Scuola Media

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione

Come studiare geografia

COME STUDIARE GEOGRAFIA. Lo studio della geografia è molto importante nel corso delle scuole medie, in quanto serve come base ad altre materie, come italiano, per avere chiari i contesti in cui si sviluppano i generi letterari, e storia, per comprendere dove avvengono vicende, guerre, e così via. Per tutti questi motivi è neccessario studiare la geografia con il giusto metodo e i giusti mezzi, facendo attenzione a localizzare bene i luoghi e i fenomeni che si studiano. Come fare? Scopriamolo insieme in questo post!

Non perderti: Come trovare metodo di studio


 

GEOGRAFIA: IL PROGRAMMA DELLE SCUOLE MEDIE. Cosa si studia in geografia alle scuole medie? Innanzitutto il paesaggio in tutte le sue forme, dalla pianura alla montagna, dai fiumi ai laghi; poi i climi, le cartine geografiche, ma anche i popoli con le loro diverse culture. Poi si studia da nazione italiana in tutti i suoi aspetti (economico, sociale, fisico, politico ecc...), le altri nazioni europee e infine gli altri continenti. 


COME STUDIARE GEOGRAFIA? A questo punto, non bisogna fare altro che prendere il libro di geografia e iniziare a studiare! Come? Proviamo a farlo insieme....
 

1. Attenzione in classe! Se stiamo attenti in classe possiamo dire che metà del lavoro lo abbiamo già svolto. Ascoltiamo allora tutto quello che dice l'insegnante, prendiamo qualche appunto, facciamo domande se non capiamo qualcosa. Una cosa importante poi, è individuare sulla cartina geografica tutto quello di cui si sta parlando, così da comprendere meglio la lezione e memorizzarla già da subito.
 

2. Leggere l'argomento. Arrivati a casa, la prima cosa da fare è leggere tutto l'argomento da studiare, così da rinfrescare la mente dopo aver ascoltato la lezione a scuola. Rimaniamo molto concentrati, e se non capiamo una frase leggiamola di nuovo: di sicuro avremo già memorizzato parecchie cose! 

Rileggiamo poi una seconda volta, e proviamo a cercare tutto quello abbiamo letto sulla cartina geografica. Se per esempio stiamo studiando studiando la Puglia, mentre leggiamo ricerchiamo sulla cartina:

  • confini: Molise, Campania, Basilicata
  • mari: mar Adriatico, mar Ionio
  • il capoluogo: Bari
  • province: Bari, Brindisi, Barletta-Andria-Trani, Foggia, Lecce, Taranto
  • zone montuose: Gargano, Subappennino Dauno
  • pianure: Tavoliere delle Puglie
  • isole: arcipelago delle Tremiti, isole Cheradi, isola di Sant'Andrea
  • fiumi: Ofanto, Fortore
     

3. Sottolineare il testo. Successivamente, riconcentriamoci sul testo e sottolineiamo. Sottolineare non significa evidenziare tutto e a caso: evidenziamo solo i concetti principali, quelli che ci aiuteranno a ripetere tutto con un senso logico.
 

4. Ripetere. Ora è il momento di ripetere! Ripetiamo una prima volta con il libro aperto, così da aiutarci se non ricordiamo qualcosa. Poi chiudiamo il libro, e mentre ripetiamo utilizziamo la cartina, che ci servirà per memorizzare meglio i nomi e a sapere dove esattamente si trovano.
 

5. Come fissare i nomi nella mente? Il problema della geografia è principalmente quello di memorizzare i nomi di città, province, laghi, fiumi, mari ecc... Un vero problema, perché non possiamo utilizzare giri di parole per rimediare: o li sappiamo... o li sappiamo! Bisogna allora mettersi di impegno, e una volta ripetuto l'argomento, concentriamoci solo sui nomi attraverso queste semplici tecniche:

  • utilizziamo la cartina per fissare bene in testa i nomi dei luoghi
  • ripetiamo secondo un ordine: se stiamo imparando le province di una regione, seguiamo un ordine, per esempio alfabetico, ricordando però di mettere al primo posto il capoluogo, il nome più importante da ricordare. 
  • utilizziamo bigliettini: per esempio, supponiamo di dover memorizzare tutti i capoluoghi di regione d'Italia. Scriviamo allora su vari bigliettini i nomi delle regioni, mescoliamo come se fossero delle carte da gioco, ed estraiamo un bigliettino dal mazzo. Una volta letto il nome della regione, proviamo a rispondere e controlliamo che la risposta sia giusta. Possiamo anche studiare in questo modo con i nostri compagni di classe: il lavoro sarà meno faticoso e sicuramente più divertente!
     

6. E all'interrogazione? Se abbiamo studiato come si deve, non abbiamo nulla da temere! Dimostriamoci sicuri, ascoltiamo bene la domanda e rispondiamo con calma. Utilizziamo sempre la nostra amica cartina per mostrare all'insegnante dove sono i luogo che abbiamo imparato, e stiamo attenti a parlare in modo corretto e fluente: e a questo punto un bel voto è assicurato!

Leggi anche: 

Commenti

Commenta Come studiare geografia.
Utilizza FaceBook.