Italiano

  • Materia: Italiano
  • Visualizzato: 750 volte
  • Data: 2014-10-11
  • Autore: elisa nisticò

Il Decadentismo

I caratteri principali e gli autori del Decadentismo.

Caratteri del Decadentismo

Verso la fine del secolo XIX comincia diffondersi in tutta Europa l'insoddisfazione della spiegazione scientifica della realtà sia naturale che umana. Lo scientismo positivistico e l'idealismo razionale di Hegel vennero messi in discussione dalla filosofia volontaristica di Schopenhauer e dal superomismo di Nietzsche, che fanno appello alle forze irrazionali dell'animo umano.

La stessa complessità dell'incipiente civiltà industriale e i contrasti sociali e politici fanno sembrare incomprensibile la realtà secondo gli strumenti della ragione e della scienza. Si cercano modi diversi di interpretazione del mondo, attraverso l'intuizione, l'arte e la poesia.

Anche le categorie sociologiche appaiono insufficienti, e non si crede che alla ricerca individuale, e, in genere, all'individualismo esistenziale.

I classicisti chiamarono "decadenti" i poeti ispirati alla nuova sensibilità. Il nome venne assunto come una sfida culturale, prima in senso critico ma poi saranno gli stessi poeti a utilizzare il termine simbolicamente per identificarsi come coloro che si estraniano dalla società, ormai estremamente stanca. I poeti decadenti così, vanno alla ricerca di cose nuove ed eccitanti; seguono tutto ciò che ritengono esoterico e misterioso; disprezzano le masse e si rifugiano in una cerchia ristretta di poeti- lettori.

Il Decadentismo può essere inteso come un movimento letterario ben definito e di breve durata (all’incirca gli ultimi due decenni del diciannovesimo secolo, e come un processo di profonde innovazioni nel campo artistico  e letterario. Il problema letterario del Decadentismo consiste nel bisogno di esprimere l'inesprimibile: una realtà incomprensibile non può venire infatti intesa e manifestata per mezzo di concetti razionali e chiari. Il poeta può solo appellarsi alla sensazione delle cose. E poiché‚ la sensazione è frutto di una intuizione momentanea e individuale, che si prova una volta sola da una sola persona, essa non può venire comunicata con la parola.

Poetica e mezzi poetici del Decadentismo

I mezzi poetici del Decadentismo tendono dunque a far provare al lettore la stessa sensazione avvertita dal poeta. La parola perde il suo significato definito, e diviene allusione, e i mezzi usati saranno:

  • la musicalità del verso, che sfugge a regole e convenzioni letterarie
  •  la ricchezza e la ricercatezza del linguaggio
  •  il simbolo, che tende ad una conoscenza sintetica fatta di immagini fascinose

In Italia la sensibilità decadentistica si manifesta già con il Fogazzaro (Piccolo mondo antico; Malombra; Il santo), dalla religiosità complessa ispirata al cattolicesimo modernista.

Il Decadentismo darà vita a due tendenze parallele:

  • L’Estetismo
  • il Simbolismo