Scienze

  • Materia: Scienze
  • Visualizzato: 3538 volte
  • Data: 2014-11-24
  • Autore: teresa lomanni

Gli effetti magnetici della corrente elettrica

La corrente elettrica ha un effetto magnetico, cioè genera un campo magnetico attorno a sé e quindi si comporta come una calamita.

La corrente elettrica ha un effetto magnetico, cioè genera un campo magnetico attorno a sé e quindi si comporta come una calamita. 

Le calamite attirano gli oggetti di ferro

La calamita è in grado di attirare chiodi, spilli e oggetti di ferro in genere. La calamita esercita una forza sugli oggetti di ferro: questa forza si chiama forza magnetica (infatti le calamite sono anche chiamate magneti). 

La forza magnetica, come la forza di gravità, si esercita anche tra oggetti che non sono a contatto fra loro. Inoltre essa è tanto più grande, quanto più gli oggetti sono vicini.

Due magneti, in presenza l’uno dell’altro, possono attirarsi oppure respingersi

Gli oggetti di ferro sono sempre attirati dai magneti. Invece, due magneti, in presenza l’uno dell’altro, possono attirarsi oppure respingersi. Le due estremità dei magneti, si chiamano poli e sono diverse. I poli, infatti, sono chiamati con nomi diversi: uno è chiamato polo Nord e l’altro polo Sud. Quando vengono avvicinate le estremità dello stesso tipo (N-N, oppure S-S), due magneti si respingono; invece, quando sono avvicinate le estremità di tipo opposto (N-S), due magneti si attraggono.

La bussola e il magnetismo terrestre

Si può avvolgere più volte un filo elettrico attorno a una bussola e poi collegare il filo, munito di un interruttore, a una pila. Se si chiude l’interruttore, si osserva una deviazione dell’ago magnetico della bussola. Se si apre l’interruttore, si osserva che l’ago ritorna nella posizione originale. Dunque:

  • la corrente elettrica ha un effetto magnetico, cioè crea un campo magnetico nello spazio che la circonda.

Tra magnetismo ed elettricità c’è uno stretto legame: il magnetismo delle calamite è spiegabile come effetto di microscopiche correnti esistenti nei cristalli contenenti certi elementi come il ferro, il nichel di cui sono fatte le calamite. Questo effetto è impedito da una eccessiva agitazione termica, cioè quando la temperatura supera certi valori.