Grammatica

  • Materia: Grammatica
  • Visualizzato: 2935 volte
  • Data: 2014-08-30
  • Autore: Redazione

I falsi cambi di genere

Cosa sono i falsi cambi di genere del nome e come fare per individuarli.

Falsi cambi di genere

Siamo abituati a credere che siccome molti nomi maschili che terminano in –o fanno il femminile in –a (es. zio > zia), allora questa sia la regola, ma le cose non stanno così. Spesso la coppia maschile/femminile è costituita da nomi diversi, che al maschile significano una cosa, al femminile un’altra. Il fenomeno si chiama “falso cambiamento di genere”.

Esempi.

1a) Il fine = scopo

1b) La fine = termine

 

2a) Il gambo = di un fiore

2b) La gamba = arto inferiore

 

3a) il collo = parte del corpo

3b) la colla = adesivo

 

4a) il panno = straccio

4b) la panna = grasso del latte

 

Nb. Il dizionario è un ottimo complice per risolvere i dubbi sul genere dei nomi. Indica con “s.m.” il sostantivo maschile e con “s.f.” sostantivo femminile.