Storia

  • Materia: Storia
  • Visualizzato: 850 volte
  • Data: 2014-11-01
  • Autore: Redazione

Guerre di religione in Europa

Le guerre di religione nell'Europa del 1500: le persecuzioni contro gli eretici e la guerra dei Trent'anni.

Durante il 1500 in Europa si susseguirono diverse guerre di religione. Il sogno di Carlo V di unificare l'Europa sotto il Sacro Romano Impero era fallito per i violenti dissidi tra cattolici e protestanti.

Filippo Il, successore di Carlo V, aveva ottenuto il trono di Spagna, che comprendeva anche i Paesi Bassi, domini in Italia e in America. Egli da subito concepì la sua autorità come un mandato divino, dunque per prima cosa si schierò con i Cattolici. Il regno di Filippo II fu caratterizzato dalle persecuzioni spietate contro gli eretici. L'intransigenza religiosa di Filippo II ebbe comunque le sue conseguenze, e per la corona comportò la perdita dei Paesi Bassi.

La pace di Augusta

In Germania, dopo grossi conflitti finalmente si giunse alla pace di Augusta (1555) i sudditi erano tenuti ad adeguarsi alla fede professata dal principe, salvo dover emigrare in un altro Paese.

L'editto di Nantes

In Francia, il Calvinismo aveva trovato larga diffusione. La Corona aveva appoggiato la religione Cattolica in aspri e sanguinosi che terminarono con il massacro e tradimento degli ugonotti parigini nel 1572 famosa per essere passata alla storia come Notte di San Bartolomeo. La parità dei diritti per i sudditi di professare liberamente la propria fede venne sancita solamente con l'editto di Nantes (1598). 

In Inghilterra,Elisabetta I seppe garantire la pace religiosa applicando compromessi pratici ma soprattutto assicurandosi la compattazione nazionale verso un nemico unico, la Spagna, che nel 1588 venne sconfitta dalla Marina inglese.

La guerra dei Trent'anni

Intanto con la guerra dei Trent'anni (1618-1648) le divergenze religiose, fino a quel momento interne alle piccole realtà, adesso si riversano su tutte le altre nazioni dove le potenze Cattoliche (Spagna, Austria degli Asburgo, Lega degli Stati cattolici tedeschi) giunsero infine allo scontro aperto con la Francia, l'Olanda, l'Inghilterra, la Svezia e gli Stati protestanti tedeschi. Queste divergenze in realtà coprivano interessi politici, come quello della Francia e della Spagna che cercavano di assicurarsi l’egemonia mondiale.