Grammatica

  • Materia: Grammatica
  • Visualizzato: 1049 volte
  • Data: 2014-08-30
  • Autore: Redazione

L'interiezione

Cos'è l'interiezione e qual è la sua funzione all'interno del discorso.

Le interiezioni sono parole invariabili che servono a esprimere sentimenti, stati d’animo, sensazioni: paura, sorpresa, gioia, sollievo, impazienza, ira, dolore, noia, orrore, ecc.

All’interno del discorso non hanno nessuna funzione sintattica: non instaurano alcuna relazione con gli altri elementi della frase, anzi la possono costituire. Es. “Uffa!” “Ahi!” “Puah!”

Si distinguono in:

  • interiezioni proprie
  • interiezioni improprie
  • locuzioni interiettive o esclamative


Interiezioni proprie

Sono parole che hanno solo funzione di interiezioni: ah, eh, ih, oh, uh, ahi, ehm, beh, mah, uffa, ehilà, ahimè, wow, ecc. 

Es. “Ah, che bella mangiata!”, “Wow, che bel ragazzo!”, “Oh, quanto mi dispiace!”, “Uffa, che situazione imbarazzante!”.


Interiezioni improprie

Sono altre parti del discorso (nomi, aggettivi, forme verbali, avverbi) adoperate come interiezioni: accidenti!, maledizione!, coraggio!, certo!, bene!, bravo!, peccato!, forza!, ecc.

Es.
“Coraggio! Tu sei davvero preparato”.
“Certo, Verrò da te alle quattro”.


Locuzioni interiettive o esclamative:

Sono gruppi di parole o brevi frasi usate in funzione esclamativa: santo cielo!, Dio mio!, miseri noi!, al fuoco!, al ladro!

Es.
“Santo cielo, dagli quel libro!”
“Dio mio, che terribile coincidenza!”