Italiano

  • Materia: Italiano
  • Visualizzato: 1685 volte
  • Data: 2014-10-05
  • Autore: Redazione

La lettera

La lettera come genere letterario: come si scrive e come si struttura.

La lettera è un testo che si scrive a un destinatario per scopi diversi e consente la comunicazione a distanza. Fino a poco tempo fa la lettera era scritta su carta; oggi come sappiamo, esistono vari strumenti e mezzi dove scrivere una lettera, tramite, per esempio, internet, SMS, mail ecc…  In base al tipo di rapporto che intercorre tra chi scrive (mittente) e chi riceve (destinatario) la lettera, esistono vari tipi di linguaggio, da quello personale e informale, a quello formale.

Esistono, inoltre, diversi tipi di lettera, privata o aperta, ovvero quando il destinatario è un insieme di individui, una folla o rivolta ad un politico o personaggio pubblico.

La lettera informale utilizza un tipo di comunicazione personale e semplice, colloquiale, perché rivolta a destinatari con cui si ha confidenza e con cui si può utilizzare un linguaggio amichevole.

La lettera formale, invece, si indirizza a soggetti estranei o con cui si ha poca confidenza, oppure nelle comunicazioni di servizio e ufficiali, motivi per i quali la forma è austera,  curata e precisa, con un lessico appropriato a seconda delle circostanze che spingono a scrivere la lettera e anche per questo scritta con differenti tipi di linguaggio, per esempio burocratico, economico, tecnico ecc…

Si riportano di seguito, alcune linee guida per la stesura esatta di lettere informali e informali

 

Struttura

 

Lettera informale

Lettera formale

Indirizzo destinatario

Si può omettere

Si inserisce a sinistra

Indirizzo mittente

Si può omettere

In alto a destra

Luogo e data

In alto a destra o in basso a sinistra

In alto a destra o in basso a sinistra

Oggetto

Si omette

In alto a destra o a sinistra

Formula di congedo

In basso a destra

In basso a destra

Firma

In tono amichevole

In tono ufficiale

 

Nel corpo del testo, la lettera ha una sua breve introduzione, uno svolgimento e una conclusione, variabili a seconda del tipo di argomento trattato; nelle lettere informali, se dopo la conclusione c’è bisogno di aggiungere qualcosa, o qualche postilla, si può ricorrere all’uso del post scriptum (P.S., che letteralmente significa “dopo lo scritto”), da aggiungere in basso a sinistra.