Educazione Artistica

  • Materia: Educazione Artistica
  • Visualizzato: 1081 volte
  • Data: 2014-12-23
  • Autore: Redazione

Luce, ombra, volume

La rappresentazione di luce, ombra e volume nelle opere pittoriche.

La rappresentazione delle luci e delle ombre è complessa; i metodi messi in atto dai pittori per rappresentare fonti di luce e di ombre variano continuamente nella storia della pittura.

Luci e ombre in pittura

Le luci e le ombre hanno da sempre aiutato i pittori a rendere più realistici gli oggetti e lo spazio dipinti; i corpi acquistano peso e consistenza grazie alla capacità del pittore di rappresentare l’ombra, ed è fondamentale per ottenere un effetto tridimensionale, dove l’utilizzo dell’ombra da un volume alla figura.

Cosa intendiamo per ombra?

Per ombra si intende un abbassamento della luce quando il soggetto realizzato viene disposto tra la sorgente luminosa e il piano illuminato; i punti che non vengono raggiunti dalla fonte luminosa sono chiamati punti in ombra. Esistono tre tipi di ombre:

  1. ombra propria: dove intendiamo le parti del corpo che non sono esposte al fascio luminoso ed hanno un grado di intensità maggiore, risultano più scure
  2. ombra portata: è l’ombra che il corpo stesso crea sul piano in cui si trova e presenta un grado di intensità minore, sono più chiare
  3. ombra auto-portata: è l’ombra che l’oggetto crea su se stesso.  

La funzione della luce nella pittura

Come l’ombra, anche la luce svolge un ruolo fondamentale dandone espressività; cambia la percezione dei colori e il volume delle opere.  

Le sorgenti luminose possono essere naturali o artificiali: 

  • naturale è la luce che proviene dal sole, dalla luna, dalle stelle e che quindi cambia a seconda delle ore del giorno
  • quella artificiale proviene da meccanismi prodotti dall’uomo

Il volume

Come è stato detto in precedenza la luce è fondamentale per creare il volume; importante è la luce di taglio che rende meglio la volumetria che si vuole realizzare; il volume viene realizzato anche utilizzando effetti chiaro-scurali, una linea di contorno, alternando il bianco e il nero, marcando delle linee con la stessa intensità e utilizzando l’accostamento del colori complementari.