Scienze

  • Materia: Scienze
  • Visualizzato: 915 volte
  • Data: 2014-10-17
  • Autore: teresa lomanni

Il principio d'inerzia

Cosa dice e come si applica il principio di inerzia.

Il principio d'inerzia

La relazione trovata da Newton indica che un corpo non soggetto ad alcuna forza, o sul quale agiscano più forze aventi risultante nulla, non cambia la propria velocità (se fosse fermo,continuerebbe a restare fermo).

Il movimento per inerzia

Come mai, invece, corpi ai quali sembra non applicata nessuna forza rallentano il loro moto fino a fermarsi? La spiegazione di questo comportamento sembra contraddire la relazione di Newton è la presenza (certe volte quasi impercettibile) di fenomeno di attrito. La forza di attrito si manifesta ogni volta che due corpi a contatto sono premuti l’uno contro l’altro e si cerca di metterli o mantenerli in un moto relativo l’uno rispetto all’altro. Per esempio una frenata dà origine a forze di attrito. La forza di attrito è tanto più grande è la forza che preme gli oggetti l’uno contro l’altro; dipende dalla natura dei materiali che si toccano e dallo stato delle superfici di contatto: tra superfici ruvide l’attrito è maggiore che tra superfici lisce.

Forze di attrito si manifestano non solo nelle zone di contatto tra solidi ma anche tra un solido e un liquido e,sia pure assai più deboli,anche tra un solido e un gas. Un corpo non soggetto a forza mantiene invariata la propria velocità. Ciò significa che il moto è uniforme. La velocità è un vettore, caratterizzato,oltre che dal valore (quanti m/s), anche dalla direzione e dal verso. In assenza di forze,non cambia nemmeno la direzione del moto. Ciò significa che il moto è rettilineo. Quindi un corpo in movimento non soggetto a forze si muove di rettilineo uniforme. Si dice che il corpo si muove “per inerzia” e l’affermazione precedente è nota anche come principio d’inerzia.