Temi svolti

  • Materia: Temi svolti
  • Visualizzato: 13631 volte
  • Data: 2014-09-24
  • Autore: Redazione

Tema sul nuovo anno scolastico

Tema svolto sul nuovo anno scolastico per la seconda media.

Traccia: 

È iniziato un nuovo anno scolastico. Ci sono stati dei cambiamenti nella tua classe? Quali? Quali promesse pensi di poter mantenere per soddisfare genitori e insegnanti?

Svolgimento

Una bellissima e lunga estate è oramai arrivata alla sua conclusione e un nuovo anno scolastico sta per iniziare. L’aula è cambiata rispetto all’anno passato, non è più vicino alle scale, ma essendo in seconda media, ci hanno spostato tra le classi di prima e terza. Sembra più luminosa rispetto alla precedente, ha una finestra in più e i banchi sono più puliti, senza le scritte di un intero anno scolastico, abbiamo anche la Lim, la lavagna digitale, uno strumento che ancora gli insegnanti devono imparare bene. Un primo vero cambiamento è il numero di noi alunni, invece di essere 20  siamo 22, un ripetente  e un ragazzo indiano. Il primo l’avevamo già conosciuto in passato, si chiama Antonio, è molto vivace e ha poca voglia di studiare, prende in giro tutti e in pochi l’accettano. Il ragazzo indiano si chiama Rafik, proviene da una famiglia povera, il paese infatti si è mobilitato per dare alla sua famiglia vestiti e cibo, anche i miei genitori hanno contribuito in questa opera di solidarietà. È in Italia da almeno 2 anni e non parla benissimo l’italiano, ma inizia a essere accettato dalla classe perché è simpatico e ci racconta come era la sua casa, il lavoro dei genitori, come giocano nel suo paese, cosa mangiano. Il resto dei compagni non ha subito molti cambiamenti, a parte qualcuno che è diventato più alto, e alcune compagne che iniziano a truccarsi e a vestirsi alla moda, come dicono loro. Io non sono cambiata tanto, a parte qualche centimetro in più, ora non mi sento tanto piccola come nella prima media, mi vedo più grande e guardo i ragazzi della terza media. I professori sono rimasti gli stessi, a parte quella di arte, che ci racconta le sue avventure archeologiche avvenute quando era giovane, e noi tutti rimaniamo con la bocca aperta, affascinati dai reperti antichi e dagli usi e costumi greci e romani. 
Le mie promesse per il nuovo anno scolastico sono tante e spero di mantenerle. Prima di tutto ai miei genitori ho promesso che mi impegnerò di più in matematica, che è la materia in cui ho serie difficoltà, non riesco a stare attenta e mi distraggo facilmente, tutti quei numeri e quelle operazioni sembra che non mi entrino nella testa. La stessa promessa naturalmente la faccio alla professoressa, che spesso mi riprende mentre spiega, perché capisce che ho la testa altrove, ma a volte mi sforzo davvero tanto per capire come funzioni questa materia. Mi impegnerò di più anche in scienze, che è una materia affascinante perché spiega tante cose sul mondo animale, umano, sulle piante. Le materie letterarie sono quelle che preferisco, ma a volte chiacchiero un po’ troppo anche durante la lezione e il professore mi riprende spesso. A lui vorrei promettere di non distrarmi molto, anche se ora con i cellulari noi ragazzi non resistiamo nel vedere Facebook e Whatsapp.  Già nell’anno passato ci sequestravano i cellulari perché durante le spiegazioni lo controllavamo spesso. 
Con una bella grinta e tanta voglia di crescere e imparare iniziamo questo nuovo anno, che sicuramente avrà qualche difficoltà, ma accompagnata sempre dalla mia classe, verrà affrontata in maniera migliore.