Temi svolti

  • Materia: Temi svolti
  • Visualizzato: 12522 volte
  • Data: 2014-09-28
  • Autore: Redazione

Tema sulla fantasia

Tema svolto sulla fantasia, per la prima media.

Traccia:

A volte la fantasia mi porta a viaggiare lontano...

Svolgimento:

La fantasia a volte ci aiuta a fare viaggi lontani e io un giorno ne feci uno. Io adoro girare nuovi posti e da poco gli scienziati hanno scoperto un nuovo pianeta, Fedra, dove abitano degli esseri viventi molto simili a noi. Su Internet vedo che organizzano delle gite turistiche, con delle offerte “spaziali” invece di aeree, in quanto hanno inventato le navicelle per poter raggiungere questo luogo, in una giornata. Giunto il giorno della mia partenza, mi sono portata  una tuta particolare per poter camminare, in quanto là non hanno la gravità. Appena scesi ci accoglie un abitante del luogo: il corpo è molto simile al nostro: ha mani, piedi, gambe, ma la testa è molto allungata con occhi enormi ed è vestito in una divisa verde, e soprattutto loro non hanno problemi a camminare. Prima di scendere ognuno di noi indossa la famosa tuta per poter camminare liberamente. Ecco che si presenta un paesaggio strano, ci sono tante e tante rocce, come dei crateri vulcanici, e sopra di esse,  case galleggianti. Infatti esse non sono cementate nella terra, ma sembrano galleggiare, anzi mi pare di aver capito che si posso spostare avanti e indietro per tutto il pianeta. Non solo, hanno delle macchine che non viaggiano sulle autostrade tipo le nostre, ma dentro tunnel trasparenti sempre sospesi. Inoltre le macchine sembrano quasi dei piccoli aerei per la loro forma allungata davanti, ma dentro possono contenere come noi massimo cinque persone. Possono arrivare a una grande velocità, fino a  300 km orari, come i nostri treni in pratica. I fedriani parlano una lingua strana, fatta più di suoni che di parole compiute, però capiscono benissimo tutte le nostra lingue, perché hanno un traduttore al loro interno. Non mi chiedete dove… Cosa mangiano? A quanto vedo preferiscono i cibi in scatola, non cucinano molto, hanno tutto già pronto, sia salato che dolce, perl non sanno cosa si perdono. Per comunicare hanno cellulari e i-Pad che sembrano essere invisibili, spuntano dal nulla, sono molto avanti rispetto a noi. I rapporti alieni sono strani, si danno i baci in lontananza e sembra quasi che li catturino, sono molto più distaccati di noi, non hanno l’affetto che ci diamo sulla terra. Per viaggiare come dicevo prima hanno le loro case portatili, infatti non esistono alberghi o alloggi per poter stare, ma hanno direttamente la loro dimora. Mentre viaggia sembra quasi che si rimpicciolisca, per andare più veloce, ma poi si ricompone appena si ristabilisce, per questo è molto bello viaggiare. Loro pagano solo quando si stabiliscono in quel luogo. La loro moneta è di colore viola, non verde e di vari colori come la nostra, ha un valore 10, 100, 1000, non ce ne sono altri. Questo viaggio si sta per concludere e noi dobbiamo ritornare a casa ci fanno segno e saliamo sulla navetta spaziale, che in poche ore ci riporta nella nostra realtà, bellissima. La fantasia ti fa viaggiare, ti fa immaginare un mondo che ancora non si sa se esista o meno.