Scienze

  • Materia: Scienze
  • Visualizzato: 983 volte
  • Data: 2014-11-24
  • Autore: teresa lomanni

La Terra come sistema

La volta celeste, i moti della Terra e le conseguenze dell'inclinazione dell'asse terrestre.

Il firmamento

Lo spazio che circonda la Terra appare come una “volta” o cupola sferica, che si chiama firmamento. In una notte limpida e senza Luna, si può vedere un gran numero di stelle. Alcune sembrano formare figure: sono le costellazioni. E’ visibile una fascia lattiginosa è la Via Lattea, formata da innumerevoli stelle. Il moto della volta celeste è solo apparente; tutte le stelle in realtà, stanno ferme.

La Terra ruota su se stessa

La Terra ruota su se stessa. A causa del movimento di rotazione della Terra, sul nostro pianeta si alternano continuamente periodi di luce e periodi di oscurità. Gli astronomi chiamano i periodi di luce “dì” e i periodi di oscurità “notti”. A causa del movimento di rotazione della Terra, il dì e la notte si alternano continuamente. Si può individuare il polo superiore che è il polo Nord e quello inferiore è il polo Sud. Si chiama meridiano, ogni cerchio immaginario che passi per i due poli; si chiama equatore il cerchio immaginario perpendicolare ai meridiani e che divide la Terra esattamente in due metà.

Il moto di rivoluzione

La Terra ruota anche attorno al Sole e il moto è chiamato moto di rivoluzione. Il tempo necessario a percorrere una rivoluzione completa è di circa 365 giorni ed è chiamato anno. A causa del movimento di rivoluzione della Terra, il Sole ci appare, con il trascorrere dei mesi, su un diverso sfondo di stelle. L’insieme delle costellazioni sulle quali passa il Sole nel corso di un anno si chiama Zodiaco. Lo Zodiaco sembra descrivere un cerchio sulla volta celeste. Tale cerchio si chiama eclittica. E’ possibile immaginare di proiettare sulla volta celeste l’equatore della Terra. In tal caso, sulla volta celeste si disegna l’equatore celeste. L’eclittica interseca l’equatore celeste in due punti, situati l’uno nei Pesci, l’altro nella Vergine. Ruotando intorno al Sole, la Terra mantiene inalterata la direzione del proprio asse di rotazione: quest’ultimo è inclinato rispetto alla perpendicolare al piano dell’orbita della Terra.

La conseguenza più importante dell’inclinazione dell’asse terrestre e del moto di rivoluzione è l’alternarsi delle stagioni:

  • Solstizio d’estate: segna l’inizio dell’estate, corrisponde al 21 giugno ed è la giornata in cui il dì dura più a lungo nell’emisfero Nord
  • Equinozio d’autunno: segna l’inizio dell’autunno, corrisponde al 23 settembre e in tutto il globo il dì dura quanta la notte
  • Solstizio d’inverno: coincide con l’inizio dell’inverno, corrisponde al 21 dicembre ed è la giornata in cui il dì è più corto nell’emisfero Nord
  • Equinozio di primavera: coincide con l’inizio della primavera e corrisponde al 21 marzo; la notte e il dì in tutto il globo hanno la stessa durata.