Italiano

  • Materia: Italiano
  • Visualizzato: 764 volte
  • Data: 2014-10-10
  • Autore: elisa nisticò

Il Verismo

La corrente del Verismo italiano: caratteri, tematiche, esponenti principali.

Realismo, Naturalismo, Verismo

Il periodo compreso tra il 1850 e il 1875 circa viene definito comunemente “età del Realismo”.
Le diverse condizioni storiche pongono differenze tra Naturalismo francese e Verismo, la corrente letteraria che in Italia si ispira direttamente alla corrente d’oltr’Alpe.

Sviluppatasi a partire dal 1870, il Verismo italiano ha i suoi rappresentanti più significativi in Luigi Capuana e Giovanni Verga.

La cultura positivista fondata su basi scientifiche, si espresse in letteratura dapprima con il Naturalismo francese.

Il Naturalismo, il cui più celebre esponente è Emile Zola, reagisce alle tendenze fantastiche e spiritualistiche del Romanticismo, e intende usare la letteratura per analizzare l'uomo in quanto prodotto della natura e della società. Il letterato non deve creare e fantasticare, ma descrivere "fotograficamente" la realtà. I Naturalisti francese ambientano i loro romanzi tra le piccola borghesia cittadina, tessuto sociale dominante in Francia.

Caratteri del Verismo

In Italia, quindi, il naturalismo prese il nome di Verismo, assumendo caratteri originali:

  • ambientazione regionale, con uso di linguaggi che improntano la lingua italiana in qualche modo sui modelli vernacolari e dialettali, superando così il modello linguistico manzoniano
     
  •  ambientazione sociale generalmente contadina, a causa della situazione dell'Italia postunitaria, prevalentemente agricola; denuncia sociale e della miseria degli strati umili del popolo, in contrasto con l'ottimismo ufficiale dell'Italia liberale
     
  •  maggiore libertà rispetto agli schemi della sociologia, con indagine sulla psiche umana e maggiori effetti poetici.

Il Verismo italiano ha una lunga e variegata tradizione:

  • i siciliani Luigi Capuana e Giovanni Verga
  • il toscano Renato Fucini
  • la sarda Grazia Deledda
  • i calabresi Nicola Misasi e Corrado Alvaro