Gli attentati dell’11 Settembre

Sono passati tre lustri dall’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre, una data che ormai è storia e che non riusciamo a levare dalle nostre menti. In diretta mondiale e increduli abbiamo assistito all’orrore e ad uno dei momenti più tragici dell’inizio di questo secolo, ma quanto sappiamo dell’attentato? Chi sono i protagonisti di questa tragedia, e le vittime? Analizziamo i fatti di cronaca per ricostruire uno dei più gravi attentati terroristici dell’età contemporanea.

Leggi anche:

11 settembre: gli attentati alle Torri Gemelle, NY

Per comprendere, o almeno provare a farlo, gli attacchi dell’11 settembre bisogna analizzare gli obiettivi dichiarati da al-Qa’ida, primo tra tutti che fosse “dovere di ogni musulmano […] uccidere gli americani in qualunque luogo”. E così alle 8.48 un Boeing 767 dell’American Airlines partito dall’aeroporto di Boston e diretto a Los Angeles viene dirottato: l’obiettivo è New York. L’aereo colpisce una delle Twins Tower ( le Torri del World Trade Center) e nell’impatto con i piani superiori perdono la vita sul colpo 92 persone Intanto, un secondo Boeing 767 della United Airlines partito da Boston si schianta contro la seconda Torre: a bordo c’erano 64 passeggeri.
Un terzo aereo, un Boeing 757 dell’American Airlines partito da Washington si schianta sul Pentagono, per precauzione precedentemente evacuato. Il quarto aereo, diretto a San Francisco, si schianta in Pennsylvania: lì perdono la vita altre 45 persone. Probabilmente era diretto, e avrebbe dovuto colpire il Campidoglio o la Casa Bianca a Washington.

L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001

Gli edifici del complesso del World Trade Center collassarono a causa delle collisioni con gli aerei: la Torre Sud crolla alle 9:59 circa, dopo un incendio di 56 minuti, sollevando una nube di fumo e polvere,  mentre la Torre Nord collassa alle 10:28, dopo un incendio di circa 102 minuti, scagliando tonnellate di detriti sulle strade: Manhattan è avvolta in una spaventosa nuvola di fumo e la parte meridionale dell’isola viene evacuata. Crolla intanto un’ala del Pentagono e alle 10 in punto, l’Aviazione civile americana (FAA) ordina l’annullamento di tutti i voli civili negli Stati Uniti: è la prima volta nella storia degli USA. Il panico dilaga e corrono notizie di tutti tipi così vengono evacuati, per sicurezza, molti edifici a New York e a Washington. Crolli, notizie che volano, alcune veritiere altre no, zone intere ed edifici evacuati ma intanto, mentre tutte le sicurezze, insieme ai grattacieli, collassavano, morivano le persone: 2752, tra queste 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti.

I misteri dell’11 settembre

Questa è la cronologia dei fatti di cronava avenuti ma nell’immediato, come negli anni a seguire, si moltiplicarono le notizie complottistiche e i misteri relativi agli attacchi terroristici che comunque ebbero grandi conseguenze a livello mondiale. Sono state scritte pagine su pagine sul più grande attacco agli Stati Uniti ma ci sono ancora più ombre che luci. La Commissione d’indagine sugli attentati dell’11 settembre 2001, conosciuta come “9/11 Commission” fu istituita nel 2002 per preparare una ricostruzione completa dei fatti  e quando nel 2004 fu pubblicata fu inondata di critiche poiché non risultava per nulla esaustiva. Seguirono altri report, compresi quelli della CIA ma, nonostante questi, le teorie sul reale svolgimento dei fatti avanzavano. Le cosidette “teorie del complotto” hanno avanzato dubbi sulla responsabilità degli attentati in primis: le istituzioni americane sapevano quello che stava per accadere? Hanno ricevuto qualche tipo di informazione a livello governativo? Uno dei dubbi più atroci quindi riguardava proprio il fatto che l’America fosse coinvolta negli attentati o che almeno, deliberatamente, avesse deciso di non prevenire o intervenire.

Teorie, complotti e misteri dell’11 settembre

Vediamo allora in sintesi tutti i misteri degli attentati terroristici dell’11 settembre:

  • Primo mistero, Le torri: una delle teorie più battute si sofferma sulla stranezza dei crolli delle Twins Tower, troppo veloci. Vediamo i fatti: di primo acchito diremmo che è normale che due grattacieli crollino velocemente a seguito di un forte impatto ma in molti tra ingegneri, architetti, fisici e scienziati hanno trovato molte incongruenze. Le Torri sono crollate troppo velocemente e a seguito di incendi (in relatà di durata breve: 56 minuti per la torre 2 e 102 minuti per la 1). Molti testimoni però hanno affermato di aver sentito delle esplosioni per cui questa treoria si basa sull’ipotesi del crollo degli edifici a causa di esplosivi all’interno dei grattacieli.
  • Secondo mistero: perché il North American Aerospace Defense Command, la compagnia di Difesa Aerea, ebbe l’ordine di rimanere a terra? Infondo il NORAD interviene proprio  nel caso in cui degli aerei siano minacciati di essere dirottati o lo siano.
  • Terzo mistero: il Pentagono pare abbia subito ingenti danni, ben più gravi di quelli causati dall’impatto al suolo di un aereo. Perché mistificare la realtà?

I dubbi e le perplessità su come andarono veramente i fatti ancora rimangono. La verità è lontana? Cosa si cela dietro l’attacco più grave degli ultimi anni? Sappiamo con certezza che le reazioni che si susseguirono furono drammatiche per l’intero pianeta e ancora oggi ne portiamo addosso i segni: guerre e milioni di rifugiati, soprattutto in medio oriente e una caccia ai terroristi che ne ha istigati dei nuovi. Rimangono però queste teorie complottistiche e un nuovo simbolo di speranza e pace, la Freedom Tower, costruita in memoria dell’11 settembre 2001.