ALDA MERINI: BIOGRAFIA, OPERE E POESIE. Alda Merini è stata una celebre scrittrice italiana, scomparsa qualche anno fa, nel 2009. Il talento della Merini fu scoperto quando la scrittrice era poco più che adolescente, ma la sua vita non è stata sempre segnata dal successo e dalla felicità: nonostante gli innumerevoli riconoscimenti e apprezzamenti da parte dei lettori, Alda ha trascorso momenti davvero bui dovuti a problemi di salute e tormenti umani. Stai studiando la scrittrice a scuola o semplicemente vuoi approfondire la sua biografia semplicemente perché ti piace o sei curioso? Bene, allora sei nel posto giusto: in questo articolo ti forniamo un riassunto sulla vita e le opere dell'autrice, insieme alle bellissime poesie che ha composto. 

alda merini biografia e opere

BIOGRAFIA DI ALDA MERINI: RIASSUNTO. Alda Giuseppina Merini nasce a Milano il 21 marzo 1931, giorno in cui (come sottolinea più volte nelle sue opere) ha inizio la primavera. La sua famiglia è di modeste condizioni: il padre Nemo un dipendente di una società di assicurazioni, la madre Emilia una casalinga. La scrittrice si descrive come una bambina solitaria e malinconica, ma che ottiene buoni risultati a scuola. Finite le scuole medie tenta di entrare nel prestigioso Liceo Manzoni, tuttavia non riesce a superare il test di ammissione. Il suo talento letterario viene scoperto dal poeta e critico Giacinto Spagnoletti, che fa esordire la Merini a soli 15 anni, pubblicando le sue poesie Il globo e La luce in Antologia della poesia italiana contemporanea 1909-1949. Conosce quindi alcuni famosi poeti dell'epoca come Quasimodo e Montale. Nel 1953 sposa Ettore Carniti, proprietario di alcune panetterie a Milano. L'editore Giovanni Schwarz pubblica successivamente raccolte di poesie e un'opera in prosa, La pazza della porta accanto. Nasce la sua prima figlia, Emanuela. Dal 1962 per circa dieci anni viene ricoverata varie volte per una malattia mentale, probabilmente un disturbo bipolare. Durante questi anni, nei momenti di salute, trascorre momenti in famiglia e ha altre 3 figlie. Gli anni del ricovero vengono raccontati nella raccolta di poesie La Terra Santa, considerata l'opera maggiore della scrittrice, nonostante all'inizio molti si rifiutarono di pubblicarla. Morto il marito, negli anni Ottanta Alda sposa il poeta ed ex medico Michele Perri, con cui si trasferisce a Taranto. Dopo un ricovero nell'ospedale psichiatrico di Taranto nel 1986 ritorna a Milano, dove pubblica l’opera in prosa L’altra verità. Diario di una diversa. Frequenta il Chimera, un caffè-libreria di Milano e continua a scrivere: nel 1992 vince il Premio Librex Montale per la Poesia. Intorno alla fne degli anni Novanta Alda Merini scrve un cospicuo numero di minitesti, aforismi con cui vuole trasmettere i suoi pensieri, alcuni raccolti poi da Rizzoli nel libro Aforismi e magie e altri pubblicati da altri editori. Nel 2004 Alda viene nuovamente ricoverata, periodo in cui versa anche in condizioni economiche precarie: riceve innumerevoli messaggi da parte di scrittori, poeti e lettori, che intendono autarla. Muore l'1 novembre 2009 a causa di un tumore osseo. 
 

OPERE DI ALDA MERINI: ELENCO. La scrittrice italiana, nonostante i grossi problemi di salute, ha scritto innumerevoli opere in prosa e poesia. Ecco le più importanti:

  • Destinati a morire. Poesie vecchie e nuove (Poggibonsi 1980)
  • La Terra Santa (Milano 1984)
  • L’altra verità. Diario di una diversa (Milano 1986)
  • Fogli bianchi. 23 inediti (Cittadella 1987)
  • La vita facile. Aforismi, a cura e con disegni di A. Casiraghi (Osnago, 1992)
  • Lettera ai figli, a cura di M. Camilliti (Faloppio-Como 1994)
  • 25 poesie autografe (Torino 1994)
  • Delirio amoroso. Monologo di Licia Maglietta (Napoli 1995)
  • Aforismi e magie (Milano 1999)
  • Il ladro Giuseppe. Racconti degli anni Sessanta (Milano 1999)
  • Sono nata il ventuno a primavera. Diario e nuove poesie, a cura di P. Manni (Lecce 2005)
  • Amleto di carta (Milano 2005)
  • Il diavolo è rosso (Milano 2005)
  • Un segreto andare (Alpignano 2006)
  • Un’anima indocile. Parole e poesie (Milano 2006)
  • Elettroshock: parole, poesie, racconti, aforismi, foto (Viterbo 2010)
  • Nuove magie: aforismi inediti 2007-2009 (Milano 2010)
     

ALDA MERINI: POESIE. La scrittrice è inoltre nota anche per le innumerevoli poesie che ha scritto durante tutta la sua vita e pubblicate in tantissime raccolte. Ecco alcune tra le più belle. 

Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

Da “La volpe e il sipario”

La verità è sempre quella,
la cattiveria degli uomini
che ti abbassa
e ti costruisce un santuario di odio
dietro la porta socchiusa.
Ma l’amore della povera gente
brilla più di una qualsiasi filosofia.
Un povero ti dà tutto
e non ti rinfaccia mai la tua vigliaccheria.

Da “La Terra Santa” 1983

Io sono certa che nulla più soffocherà la mia rima,
il silenzio l’ho tenuto chiuso per anni nella gola
come una trappola da sacrificio,
è quindi venuto il momento di cantare
una esequie al passato.

Da “La vita facile”

Le mie impronte digitali
prese in manicomio
hanno perseguitato le mie mani
come un rantolo che salisse la vena della vita,
quelle impronte digitali dannate
sono state registrate nel cielo
e vibrano insieme
ahimè
alle stelle dell’Orsa maggiore.

Scopri di più: Alda Merini: poesie e aforismi