Dopo lo strafalcione che ha fatto il giro del web, il MIUR ha chiesto scusa a tutti gli studenti attraverso i canali social :

"L’ortografia italiana è una sola ormai da tempo immemorabile e le sue regole -si legge-  sono chiare: le parole che finiscono in “-cia”, se precedute da consonante, al plurale, non vanno scritte con la "i". Quindi: “TRACCIA” al plurale si scrive “TRACCE”, non c’è alcun dubbio."

Poi la spiegazione di quanto accaduto:

"Ieri qualcuno si è dimenticato di questa regola e ci dispiace molto. Abbiamo visto il refuso e siamo subito intervenuti per farlo correggere. È stato un errore di battitura, un errore materiale, che naturalmente non doveva esserci, tanto più su una pagina che riguarda gli Esami di Stato."

Infine le scuse:

"Il fornitore tecnico che gestisce l’inserimento dei contenuti sul sito del Ministero – responsabile dell'errore – ci ha fatto pervenire una lettera di scuse per l’episodio accaduto. Scuse che noi ci sentiamo di girare a tutte le studentesse e a tutti gli studenti che – lo sappiamo – conoscono molto bene l’ortografia italiana. In tutta questa vicenda pensiamo ci sia almeno una nota positiva: abbiamo dissipato ogni dubbio su come si scriva il plurale di "traccia".