SIGNIFICATO DI GENDER

Ultimamente si sente molto parlare di Gender, un termine che deriva dal vocabolario inglese che significa propriamente "genere". Il termine indica l'appartenenza delle persone al genere maschile e femminile secondo differenze non fisiche, bensì comportamentali e sociali.
Si tratta di una teoria totalmente nuova e che mette in crisi tutte le certezze su cui ci siamo aggrappati finora: cerchiamo quindi di fare chiarezza su cos'è il Gender, chi sono i Gender e quali sono i punti principali della teoria Gender

Scopri anche: Outing o coming out? Significato e differenza

cosa significa gender

CHI SONO I GENDER: DIFFERENZA TRA SESSO E GENERE

Per prima cosa dobbiamo precisare la differenza tra sesso e genere:

  • il sesso è determinato dai caratteri biologici, anatomici e fisici che fanno distinguere un maschio da una femmina
  • il genere è lo sfondo socio-culturale una costruzione culturale acquisita attraverso lo status di uomo o donna

L'identità di genere è quindi l'insieme di comportamenti atti a definire una persona appartenente al genere donna o uomo, in relazione anche al luogo, al periodo storico e alla percezione che ognuno ha di sè.
Il sesso invece è una condizione innata, per cui mentre maschi o femmine si nasce, uomini o donne si diventa. Tuttavia, la relazione tra sesso e genere varia in base alle zone geografiche, al periodo storico e alla cultura di appartenenza, che nell'insieme determinano i caratteri dell'essere uomo o donna.
Sesso e genere quindi sono due concetti diversi tra loro, tuttavia sono interdipendenti: ad esempio, i bambini e le bambine vengono educati in maniera totalmente differente, in modo che nei primi vengano sviluppate le caratteristiche peculiari dell'uomo, mentre nell'altra quelle della donna. 

TEORIA GENDER: SIGNIFICATO

In sostanza quindi l'identità di genere viene stabilita dalla soggettiva percezione che ognuno di noi ha di se stesso, orientando dunque la propria sessualità verso i propri istinti e le proprie pulsioni: non si è uomini o donne perché si è nati e si hanno anatomicamente i tratti fisici di maschio o femmina, ma semplicemente perchè ci si riconosce tali. Tale teoria non nasce oggi di punto in bianco, ma tutto ciò è la fase finale di un lungo processo iniziato tra gli anni Cinquanta e Settanta, che ha trovato una prima tappa importante nel 1995, durante la Quarta Conferenza Internazionale sulle Donne dell’ONU di Pechino. Da qui in poi la prospettiva di genere si è affermata con norma politica globale, inserendosi in ogni ambito, dalle politiche governative alle scuole e unversità. Nascono quindi gli Studi sul Gender (Gender Studies), ricerche che tentano di spiegare perché ad un determinato genere vengano attribuiti ruoli specifici. 

Leggi anche: Come fare un buon tema: i 19 errori di ortografia italiana da evitare