GIUBILEO: SIGNIFICATO DELLA PAROLA. Chiunque di noi ha sentito parlare almeno una volta nella vita di Giubileo, e sebbene sappia perfettamente che si tratti di una celebrazione cattolica, tuttavia non sempre comprende in pieno il suo significato. Di sicuro ne avrete sentito parlare lo scorso anno, a proposito del Giubileo straordinario della Misericordia, indetto da Papa Francesco, e dedicato proprio alla Misericordia. Ma, precisamente, cos'è un Giubileo? Scopriamo allora il significato e l'etimologia della parola, ogni quanti anni si celebra e cos'è la porta santa. 

cosa significa Giubileo

COS'È UN GIUBILEO: SIGNIFICATO E BREVE STORIA. Nel mondo cattolico un Giubileo è un Anno Santo, cioè un arco di tempo in cui il Papa concede l'indulgenza plenaria a coloro che praticano determinati riti e si recano a Roma. Il Giubileo ha però origini ebraiche: la tradizione ebraica fissava ogni 50 anni un anno di riposo della terra, così da renderla più fertile per le successive coltivazioni. Inoltre, in questo periodo venivano restituite le terre confiscate e si liberavano gli schiavi. Tornando al Cattolicesimo, il primo Giubileo fu indetto nel 1300 da Papa Bonifacio VIII, che aveva fissato la ricorrenza ogni 100 anni. Successivamente, si decise di celebrare il Giubileo ogni 50 anni, mentre ora ogni 25 anni. 
 

GIUBILEO: ETIMOLOGIA DELLA PAROLA. La parola Giubileo è legata alla tradizione del Giubileo ebraico, e trae origine dal nome del corno di Ariete che si suonava per dare il via all'anno di riposo della terra: il nome del corno era infatti yobel, da cui poi il termine per designare la celebrazione cristiana. 

GIUBILEO: OGNI QUANTI ANNI SI CELEBRA? Abbiamo visto che la ricorrenza fu fissata all'inizio ogni 100 anni, poi ogni 50 e adesso ogni 25 anni. Tuttavia, bisogna distinguere il Giubileo ordinario dal Giubileo straordinario. Il Giubileo ordinario è quello che cade ogni 25 anni: finora sono stati 26, e l'ultimo è stato quello del 2000, importantissimo perché è stato il primo a cavallo tra i due millenni e, inoltre, ha celebrato i 2000 anni dalla venuta di Cristo. Il Giubileo straordinario invece può essere indetto dal Papa in occasioni particolari o momenti difficili per la Chiesa: finora ne sono stati celebrati 95, e l'ultimo è stato quello della Misericordia, indetto da Papa Francesco. 
 

GIUBILEO: LA PORTA SANTA. L'Anno Santo ha inizio la Vigilia di Natale con l'apertura delle porte sante delle quattro principali basiliche di Roma: Basilica di San Pietro in Vaticano, Basilica di San Paolo, Basilica di Santa Maria Maggiore e Basilica di San Giovanni in Laterano. Il Papa viene portato su una sedia di fronte alla porta murata di san Pietro, sulla quale picchia tre volte recitando la formula "Apritemi le porte della giustizia". Successivamente un cardinale picchia due volte e la porta viene aperta. Passa per primo il papa, avendo in mano destra una croce e in mano sinistra una candela. Nei giorni successivi vengono aperte le altre porte delle basiliche principali. Alla fine del Giubileo le porte sante delle 4 basiliche vengono murate: verranno riaperte al prossimo Anno Santo. 

Non perderti: Come fare un buon tema: i 19 errori di ortografia italiana da evitare