Vita e opere di Leonardo da Vinci

Uno dei geni indiscussi e apprezzati in tutto il mondo è Leonardo da Vinci: ingegnere, pittore, scienziato e artista a tutto tondo. Quando si pensa infatti al più grande e illustre personaggio italiano si parla di Leonardo, uomo carismatico e sapiente che ha rivoluzionato molti campi del sapere. Le sue opere, ora divise in molti musei nazionali e internazionali, hanno fatto la storia in molte discipline e ancora oggi sono alla base di molte scoperte artistiche e scientifiche. Ripercorriamo la biografia e le opere di Leonardo da Vinci per scoprire gli innumerevoli aspetti della sua vita.

Leggi anche:

Leonardo da Vinci: biografia del genio del Rinascimento italiano

Parliamo ora della vita di Leonardo, che nasce a Vinci, una borgata in Toscana il 15 aprile del 1452 e muore in Francia, ad Amboise, il 2 maggio 1519. Il padre è un  notaio e in realtà Leonardo è suo figlio illegittimo, poichè nato fuori dal matrimonio: verrà comunque accolto  nella casa paterna dove verrà allevato ed educato. A sedici anni il nonno Antonio muore e tutta la famiglia si trasferisce a Firenze e lì il padre lo mette a bottega presso il Verrocchio, pittore, scultore orafo e maestro, dove trascorrerà dodici anni per imparare. A Firenze entra sotto la protezione di Lorenzo de’ Medici, mecenate umanista. Leonardo è acuto, intelligente e curioso: fin da subito mostra interesse per molte discipline, sia scientifiche che artistiche. Nel 1480 ha il suo primo approccio con la scultura e sempre in quell’anno riceve l’incarico di dipingere l’Adorazione dei Magi per la chiesa di S. Giovanni Scopeto appena fuori Firenze (oggi l’opera si trova agli Uffizi). Si allontana da Firenze mosso dalla sua sete di conoscenza e arriva alla corte di Lodovico Sforza, Duca di Milano. Qui nasceranno alcuni dei suoi grandi capolavori: a Vergine delle Rocce nelle due versioni di Parigi e di Londra, e l’esercitazione per il monumento equestre in bronzo a Francesco Sforza. Nel 1489-90 prepara le decorazioni del Castello Sforzesco di Milano per lo sposalizio tra Gian Galeazzo Sforza con Isabella d’Aragona. Si occupa anche di ingegneria idraulica, con le opere di bonifica della bassa lombarda. Nel 1495 inizia il famoso affresco del Cenacolo nella chiesa Santa Maria delle Grazie che verrà terminata nel 1498. Nel 1499 Milano viene invasa dalle truppe del re di Francia Luigi XII e Leonardo scappa prima a Mantova, poi a Venezia. Torna a Firenze nel 1503: affrescherà nsieme a Michelangelo, il Salone del Consiglio grande nel Palazzo della Signoria. A Leonardo viene affidata la rappresentazione della Battaglia di Anghiari che però non porterà a termine. probabilmente, in questo stesso anno dipinge la Monna Lisa, detta anche Gioconda (museo del Louvre di Parigi). Nel 1513 il re di Francia Francesco I lo invita ad Amboise, dove si occuperà ancora di ingegneria idraulica per alcuni fiumi francesi. Il 2 Maggio 1519 il grande genio del Rinascimento muore: viene sepolto nella chiesa di S. Fiorentino ad Amboise ma dei suoi resti non vi è più traccia..

Per approfondimenti leggete:

Opere di Leonardo da Vinci

E ora passiamo alle opere che hanno reso famoso Leonardo da Vinci nel mondo:

  • Il battesimo di Cristo: dipinto a olio e tempera su tavola (177×151 cm) di Andrea del Verrocchio, Leonardo da Vinci e altri pittori di bottega, databile tra il 1475 ed il 1478 e conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.
  • Paesaggio d’Arno: è un disegno (19×28,5 cm)  datato 1473 e conservato nel Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi a Firenze. La data riportata in lato a sinistra (5 agosto 1473) ne fa la prima opera sicuramente datata di Leonardo.
  • Madonna del Garofano: è un dipinto a olio su tavola (62×47,5 cm) databile al 1473 circa e conservato nell’Alte Pinakothek di Monaco.
  • L’Annunciazione: è un dipinto a olio e tempera su tavola (98×217 cm), attribuito a Leonardo da Vinci, databile tra il 1472 e il 1475 circa e conservato nella Galleria degli Uffizi di Firenze.
  • L’adorazione dei Magi: è un dipinto a olio su tavola e tempera grassa (246×243 cm) drealizzato tra il 1481 e il 1482. Viene conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze.
  • Vergine delle Rocce: è un dipinto a olio su tavola trasportato su tela (199×122 cm) databile al 1483-1486 e conservato nel Musée du Louvre di Parigi; la seconda versione è conservata alla National Gallery di Londra
  • Dama con l’ermellino: è un dipinto a olio su tavola (54 ×40 cm)  databile al 1488-1490. La donna ritratta va quasi sicuramente identificata con Cecilia Gallerani.
  • Ultima cena (Cenacolo): è un dipinto parietale a tempera grassa su intonaco (460×880 cm) databile al 1495-1498 è conservato nell’ex-refettorio rinascimentale del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano.
  • San Giovanni Battista: è un dipinto a olio su tavola di noce (69×57 cm) databile al 1508-1513 e conservato nel Museo del Louvre a Parigi.
  • La Gioconda, nota anche come Monna Lisa, è un dipinto a olio su tavola di legno di pioppo databile al 1503-1506 circa e conservato nel Museo del Louvre di Parigi.
  • Le opere dell’ingegno di Leonardo da Vinci