Come si scrive: nacque o naque?

Signori si nasce ed io modestamente lo nacqui, diceva il barone Zazà… quante volte abbiamo sentito questa famosa citazione? Tante, è vero, ma la stessa ci ha fatto scaturire un tremendo dubbio, legato alla coniugazione del verbo nascere: si scrive nacque o naque? Qual è la forma corretta? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Non perdete: Come fare un buon tema: 19 errori di ortografia da evitare

Nacque o Naque: come si scrive correttamente

Prima di ogni cosa è bene sapere che la terza persona del passato remoto di nascere è nacque! In genere, il passato remoto di un verbo è complicato, se pensiamo poi a verbi irregolari della seconda coniugazione come nascere, la questione si complica. Queste forme verbali possono avere una coniugazione variabile  anche a seconda anche della persona interessata. Fra i casi d’eccezione particolari c’è proprio il verbo nascere. Vediamo la coniugazione del verbo al modo indicativo, tempo passato remoto:

io nacqui
tu nascesti
egli nacque
noi nascemmo
voi nasceste
essi nacquero

Vedete come si articola? Irregolare fino al midollo. Segnatevi quindi questo trucchetto per ricordarlo e scriverlo correttamente: la prima e la terza persona singolare nonché la terza persona plurale del passato remoto dei verbi nascere, tacere, piacere, giacere, nuocere si scrivono con -cque -cquero!

Naque o nacque: esempi

Ecco gli esempi: io nacqui, egli nacque, essi nacquero, io tacqui, egli tacque, essi tacquero, io piacqui, egli piacque, essi piacquero, io giacqui, egli giacque, essi giacquero.

Altri dubbi? Dipanateli qui: