Psicometria: cos’è e cosa studia

La psicometria è la misurazione dell’intensità, della durata e della frequenza dei fenomeni psichici. Charles Spearman, fu il pioniere della psicometria, sviluppando i primi metodi di misura dell’intelligenza, secondo gli insegnamenti di Wilhelm Wundt e successivamente Louis Leon Thurstone sviluppò un metodo teorico della misurazione denominato come “legge di giudizio comparativo. I primi strumenti psicometrici furono utilizzati da Alfred Binet per misurare il quoziente di intelligenza. La psicometria è stata recentemente utilizzata per studiare la personalità, attraveso l’utilizzo di test, che sono lo strumento chiave di valutazione della mente. I test possono essere somministrati in varie forme:

  • Test Proiettivi: consistono nell’interpretazione di un’immagine a macchie o nel costruire un racconto partendo da una figura o immagine. Servono a valutare la salute mentale o i bisogni del soggetto.
  • Test Personalità: vanno a indagare aspetti emotivi e affettivi che possono fornire informazioni sulle patologie di un individuo.
  • Test Attitudinali: utilizzati nelle attività professionali o nella selezione del personale, vanno a testare particolari attitudini o competenze dell’individuo.
  • Test di Profitto: utilizzato in ambito scolastico, consistono in prove oggettive per valutare l’acquisizione di nozioni da parte degli allievi.

Psicometria: concetti fondamentali

La psicometria abbiamo detto, si occupa dell’elaborazione di teorie e metodi atti a rilevare informazioni psicologiche sugli individui e lo fa attraverso l’utilizzo di test sottoposti in varie forme. Per l’elaborazione dei risultati di questi test bisogna tenere in considerazione dei parametri fondamentali che sono:

  • L’attendibilità: è la proprietà psicometrica relativa all’accuratezza con cui un test o una scala misura una certa variabile psicologica.
  • La validità: la corrispondenza tra gli obbiettivi prefissati e i risultati ottenuti.
  • Standardizzazione: è il riferimento sistematico a standard o norme statiche.
  • Strutturazione e formalizzazione: indica l’uniformità di procedura nella somministrazione, punteggio e calcolo.
  • Validità di facciata: indica il modo in cui il test viene giudicato.

Psicometria: applicazione su facebook

Recentemente abbiamo sentito parlare di psicometria in relazione al noto social network Facebook, pare infatti, che attraverso un’app per Facebook, myPersonality, in grado di tracciare la personalità degli utenti, ideata nel 2007, da David Stillwell e Michal Kosinski, due ricercatori dell’Università di Cambridge, sia stato possibile influenzare e manipolare importanti eventi come le elezioni americane, il referendum sulla Brexit ecc. In breve Cambridge Analytica, società di consulenza britannica, sarebbe riuscita, a raccogliere attraverso Facebook i profili psicologici di 50 milioni di americani e a manipolare le loro idee per indurli a votare Donald Trump. Nel mirino anche i dati di giochi online che utilizzano software di terze parti ,che secondo la legge non possono essere ceduti ad altri per scopi commerciali. Attualmente le leggi sulla regolazione dei dati personali esistono, ma vengono poco considerate. Il 25 maggio, entrerà in vigore nell’Unione Europea il Regolamento generale sulla protezione dei dati, la legge prevederà multe salatissime per chi non la rispetta, facilitando il controllo delle proprie informazioni. Insomma sentiremo parlare sempre più di psicometria, perchè ormai ogni ambito ne è permeato e in futuro verrà sempre più utilizzata non solo a scopo commerciale, ma anche per influenzare l’opinione pubblica. Ci auguriamo che siano applicate leggi che consentano un maggior controllo dei nostri dati sensibili.