Test Scienze della Formazione Primaria 2017: punteggio minimo

E finalmente ci siamo: si concludono oggi le giornate dedicate ai test d’ingresso 2017 con la prova d’ammissione per la facoltà ad accesso programmato di Scienze della Formazione Primaria. Tra qualche minuto i candidati si troveranno faccia a faccia con le domande ufficiali del test che, come sappiamo, sono formulate dalle singole università e non dal Miur. Infatti, il Test di Scienze della Formazione Primaria costituisce un’eccezione (insieme a Professioni Sanitarie) nel panorama dei Test d’ingresso nazionali in quanto le prove sono gestite interamente dagli atenei che però devono attenersi alle direttive del Ministero. In attesa di avere maggiori dettagli riguardo alle domande e alle soluzioni, e soprattutto in attesa che vengano pubblicati i risultati e la graduatoria nominativa, cerchiamo di fare alcune supposizioni e proviamo a capire qual è il punteggio minimo da ottenere per potersi immatricolare alla Facoltà.

Controlla qui le soluzioni: Test Scienze della Formazione Primaria 2017: soluzioni

Punteggio Minimo Test Scienze della Formazione Primaria: cosa sapere

Diciamo subito che il Test di Scienze della Formazione Primaria ha alcune differenze rispetto agli altri Test d’ammissione. Innanzitutto, il numero delle domande è 80 (per tutti gli altri i quesiti sono 60) e il tempo a disposizione è di 150 minuti invece di 100. Anche la valutazione è diversa: ogni risposta esatta vale 1 punto, mentre quelle non date e quelle sbagliate valgono 0 punti. Di conseguenza, cambia anche il punteggio minimo per essere ammessi in graduatoria: potrete quindi considerarvi salvi se otterrete un punteggio minimo di 55 punti su 80.

Test Scienze della Formazione Primaria 2017: pronostici sul punteggio minimo

Diciamo quindi che nella prova di ammissione per accedere a Scienze della Formazione Primaria vi è qualche difficoltà in meno. In particolare, non vengono tolti punti se si dà una risposta sbagliata (per gli altri test la risposta sbagliata è valutata -0,4 punti), quindi si può tentare di rispondere e magari indovinare la risposta corretta. Di conseguenza, si ha la possibilità di ottenere punteggi più alti in quanto si osa “rischiare” di più. Quale potrebbe essere quindi il punteggio minimo di quest’anno? Negli anni passati alcuni candidati sono riusciti ad immatricolarsi anche con un punteggio minimo intorno ai 55 o 60 punti, per cui, facendo un po’ di calcoli, se riuscite a rispondere correttamente a 60 o 65 domande, sarete abbastanza sicuri di riuscire ad immatricolarvi.

Per saperne di più: