Cosa significa borderline?

Se siete un minimo attratti dalla Psichiatria e dalle patologie mentali allora di certo avrete sentito nominare la parola borderline. Di cosa si tratta? Riveliamo fin da subito il significato: viene definito borderline un soggetto che ha un forte disturbo della personalità che gli provoca una certa instabilità nelle relazioni, nell’umore o nella stima di sé. Inoltre, viene considerato borderline chi non è precisamente definibile e si trova a metà tra due malattie o tra la condizione normale e una malattia mentale.

Borderline, traduzione: etimologia

Avete ovviamente capito che non è un termine italiano, ma si tratta di una parola presa in prestito dalla lingua inglese. Precisamente, ci troviamo di fronte ad un sostantivo composto da:

  • border, che significa confine
  • line, che significa linea

La traduzione letterale è dunque “linea di demarcazione”, espressione volta a specificare proprio l’instabilità e l’imprecisione nel trovare una definizione del disturbo di cui è affetto un soggetto.

Disturbo Borderline di Personalità: sintomi e cosa fare

Il disturbo di personalità borderline è una patologia molto rischiosa: chi infatti ne è affetto può sviluppare impulsi diversi, come ad esempio disturbi alimentari, alcolismo o guida spericolata. In genere i soggetti borderline sono antisociali e inclini a gesti estremi come il suicidio. L’instabilità provoca un’alternanza di considerazioni positive e negative riguardo alle altre persone e riguardo a se stessi: i giudizi, in entrambi i casi, sono decisi e netti, senza mezzi termini. Per curare i soggetti borderline si utilizzano antipsicotici e antidepressivi, tuttavia pare che i risultati migliori si ottengano principalmente con la psicoterapia.

Borderline, sinonimi

Ci sono sinonimi di questo termine, in modo da comprendere ancora di più il suo significato? Non c’è un sinonimo vero e proprio, tuttavia potremmo utilizzare, per spiegare meglio la parola, espressioni come “linea di confine”, “linea di demarcazione”, “caso limite”.