Tema sul rispetto degli animali: esempio svolto 

La violenza sugli animali e i diritti degli animali sono alcuni tra gli argomenti più discussi negli ultimi periodi, e di sicuro in classe il vostro insegnante vi avrà invitati a riflettere su determinate questioni. Non parliamo solo di cani e gatti, ma anche di quegli animali che vivono negli zoo e che vengono maltrattati nel circo o utilizzati per le sperimentazioni. Si tratta, insomma, di una tematica vasta e che spesso mette in disaccordo noi tutti. E tu, cosa ne pensi? Se devi svolgere un tema di attualità sui diritti degli animali ma hai le idee un po’ confuse allora affidati a voi: ti forniremo un esempio svolto in modo da farti un’idea di come scrivere e come organizzare i concetti. Cominciamo!

Non perderti la nostra guida completa: Come scrivere un tema

Tema sui diritti degli animali: introduzione

Considerati per moltissimo tempo fonte di sostentamento e di cibo, da qualche secolo a questa parte gli animali sono ormai reputati esseri sensibili, cioè capaci, come l’essere umano, di soffrire e di provare emozioni. Un aspetto che però non tutti tengono in considerazione, con il conseguente presentarsi di episodi di violenza e maltrattamenti.

Tema sugli animali: svolgimento

Una prima forma di tutela dei diritti animali risale al 1641, quando la Corte Generale del Massachussettes sancì che nessun uomo poteva esercitare tirannia e violenza sugli animali tenuti per il proprio utilizzo. Diversi secoli dopo, nel 1978, venne proclamata dall’Unesco la Dichiarazione Unversale dei Diritti dell’Animale, in modo da tutelare tutte le forme di vita. Da qui in poi sono state numerose le normative a tutela degli animali, volte ad assicurare ai nostri amici a quattro zampe un benessere psico-fisico. Come gli esseri umani infatti, essi hanno il diritto di mangiare, dissetarsi, ricevere cure mediche, manifestare le loro caratteristiche comportamentali ed essere liberi dal timore. Diritti che però ancora oggi non vengono garantiti: sono innumerevoli gli episodi di persone che maltrattano i propri animali domestici, che li lasciano senza cibo e acqua per diversi giorni. Cani legati ad un albero e picchiati con un bastone, cavalli denutriti, ammalati e senza cure, animali chiusi in gabbie piccolissime insieme ad altri, costretti a fare i bisogni nello stesso posto in cui mangiano. Questi sono solo alcuni esempi che dovrebbero farci riflettere ma che invece lasciano indifferente la maggior parte di noi: dovremmo però pensare che si tratta di esseri viventi, oltretutto più deboli di noi, indifesi, che spesso cercano aiuto affidandosi al loro carnefice. Sono esseri viventi che provano emozioni come noi: la gioia, il dolore, l’abbandono, la stanchezza, l’affetto. Emozioni che passano in secondo piano quando subentra il fattore economico, e allora i cuccioli di cane vengono strappati alla mamma, trasportati per giorni e giorni chiusi in piccole gabbie e venduti senza aver ricevuto controlli o cure mediche. Se si sceglie di avere un animale domestico poi, non bisogna farlo per moda e non basta solo dar da bere e da mangiare: bisogna dare affetto, attenzione, dedicare del tempo.

Tema sui diritti animali: conclusione

Siamo in un momento storico in cui l’uomo ha preso coscienza del fatto che gli animali siano esseri sensibili, esseri viventi a cui bisogna garantire determinati diritti essenziali. La strada però è ancora lunga e tortuosa, e occorre faticare molto prima di raggiungere questo obiettivo: il rispetto totale nei loro confronti.

Temi svolti: tutto per i compiti

Se hai bisogno di altri temi svolti per finire in fretta i compiti ecco cosa devi fare: