TEST ARCHITETTURA 2017: COSA SAPERE

Futuri aspiranti architetti ci siamo: la data ufficiale del test di architettura 2017, fissata per il 7 settembre 2017, la conosciamo da un po’, e il 28 giugno il Miur ha pubblicato il bando ufficiale con tutte le indicazioni da tenere a mente. Visto che sono terminate da poco le procedure d’iscrizione, è arrivato il momento di iniziare a raccogliere informazioni sul test d’ingresso di Architettura, che come saprete è una facoltà a numero chiuso. Lo svolgimento della prova è disciplinato interamente dal Miur che pubblica annualmente un bando sui test per le facoltà con accesso programmato a livello nazionale, ossia Architettura, Medicina e Veterinaria. Questo comporta che il test è unico per tutte le aspiranti matricole che vorrebbero frequentare Architettura negli atenei pubblici italiani ed è il Ministero dell’Istruzione a stabilire: data, modalità d’iscrizione al test, struttura della prova, domande e materie, punteggi, funzionamento di graduatorie, scorrimenti e posti disponibili. Noi vi aiuteremo a prepararvi al test, dandovi tutte le informazioni necessarie e consigli utili, ma anche aggiornandovi sul bando, informandovi su tutto quello che occorre fare e su come funziona la prova.

test architettura 2017 guida

TEST ARCHITETTURA 2017: LA DATA

La data per il Test di Architettura è stata decisa dal Miur ed è unica in tutta Italia, così come la prova d’accesso e la graduatoria. Le date di solito vengono pubblicate dal Miur con un’apposita nota tra gennaio e febbraio: quest’anno la notizia è giunta in ritardo, l’1 marzo, ma in ogni caso ormai conosciamo il calendario ufficiale con tutte le date dei test d’ingresso. Come previsto, il test si terrà a settembre 2017, precisamente il 7 settembre, dopo il test di veterinaria. Ecco i dettagli:

Diverse sono invece le date stabilite dalle università private per i loro test d’ingresso: consultate tutte le date nella nostra guida Test ingresso 2017: il calendario.

BANDO TEST ARCHITETTURA 2017

I corsi a numero chiuso a livello nazionale devono sottostare alle indicazioni del Ministero per quel che riguarda posti disponibili, domande, graduatorie e modalità d’iscrizione. Proprio per questo il Ministero ogni anno pubblica un bando ad hoc riferito ai test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso che gestisce direttamente. Il bando è stato pubblicato il 28 giugno, per cui ora abbiamo tutte le informazioni che ci servono per il test d’ingresso. Scopri di più:

TEST ARCHITETTURA 2017: COME ISCRIVERSI

Le modalità d’iscrizione al Test di Architettura 2017 sono inserite nel bando del Miur. Le iscrizioni sono state aperte tra il 3 e il 25 luglio tramite il sito Universitaly. In questa fase, i candidati sono anche chiamati a esprimere le proprie preferenze e a versare un contributo di partecipazione al test d’ingresso presso l’università di prima scelta, che è quella in cui si sosterrà la prova. Ecco la guida: Test Architettura 2017: come iscriversi

TEST ARCHITETTURA 2017: POSTI DISPONIBILI

Proprio per completare la vostra iscrizione dovrete esprimere delle preferenze e scegliere l’ateneo da indicare come prima scelta. I posti disponibili ad Architettura lo scorso anno sono stati 6.991, mentre per quelli previsti dal Miur per l’anno accademico 2017/2018 sono 6.873. Scopri di più: Test Architettura 2017: posti disponibili

DOMANDE TEST INGRESSO ARCHITETTURA E STRUTTURA DELLA PROVA

Il test di architettura sarà composto da 60 domande a risposta multipla con 5 opzioni di risposta (tra cui scegliere quella esatta). I quesiti sono così suddivisi:

  • 4 quesiti di cultura generale
  • 23 di ragionamento logico
  • 14 di storia
  • 10 di disegno e rappresentazione
  • 9 di fisica e matematica

I candidati avranno a disposizione 100 minuti per terminare il test, e il punteggio è così ripartito: 1.5 punti per ogni risposta corretta, 0.4 punti per ogni risposta errata, 0 punti per ogni domanda senza risposta. Scopri di più: Domande test architettura 2017

TEST ARCHITETTURA 2017: COSA STUDIARE

Per arrivare preparati al test architettura occorre ripassare bene tutti gli argomenti dei programmi ministeriali di storia, disegno e rappresentazione, fisica e matematica. Inoltre, per sviluppare capacità di ragionamento logico, è bene allenarsi con domande di logica, oltre a esercitarsi con simulazioni del test per avere un approccio diretto con la prova ufficiale che dovrete affrontare. Durante la prova invece, ricordate di leggere attentamente le domande prima di dare una risposta e soprattutto di lasciare senza risposta quelle che non conoscete per non rischiate di abbassare il vostro punteggio. Ecco i programmi: Test architettura 2017: cosa studiare

SIMULAZIONI TEST ARCHITETTURA 2017

Come abbiamo visto, per prepararsi al test non è sufficiente solo il ripasso teorico, ma è fondamentale esercitarsi su simulazioni e prove degli anni precedenti per familiarizzare con la prova ufficiale di settembre. Per facilitarvi, abbiamo pensato di mettere a vostra disposizione le nostre simulazioni online gratuite basate sulle prove degli anni precedenti:

 

TEST INGRESSO ARCHITETTURA 2017: RISULTATI E SOLUZIONI

Una volta terminato il test, il Miur pubblicherà le soluzioni ai quesiti: in questo modo potrete avere un’idea del punteggio ottenuto. Successivamente, il 21 settembre, accedendo al sito Universitaly con username e password forniti il giorno del test, potrete conoscere il risultato ottenuto. Se avete ottenuto almeno 20 punti, e quindi siete idonei, dovrete attendere la pubblicazione della graduatoria.

Scopri di più:

TEST ARCHITETTURA 2017: GRADUATORIA E SCORRIMENTI

A questo punto, il Miur pubblicherà la graduatoria unica nazionale, fissata per il 3 ottobre: qui figureranno coloro che sono in posizione utile (assegnati) e che dovranno immediatamente immatricolarsi entro i termini stabiliti (pena l’esclusione dalla graduatoria), e gli idonei, cioè coloro che hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a 20 punti. Essi potranno attendere lo scorrimento della graduatoria, diventando così prenotati, sperando di riuscire a potersi immatricolare nelle università indicate nella domanda come loro preferenze. Scopri di più: