Università part-time: come funziona

Se hai già un lavoro, hai poco tempo per motivi personali ma vuoi comunque iscriverti all’università puoi diventare uno studente universitario part-time. Esistono infatti diversi casi in cui non è possibile seguire le lezioni a tempo pieno, quindi si perde tempo e spesso si rischia di andare fuori corso, pagando tasse e contributi in più. La soluzione è dunque l’università a tempo parziale, pensata proprio per chi non riesce a conciliare le tempistiche accademiche con gli impegni personali e lavorativi. Se ti ritrovi in questa categoria di persone e vuoi saperne di più su come funziona l’università part-time, ecco una breve guida con tutto quello che devi sapere.

Non perderti la guida sull’Orientamento Universitario

Iscriversi a tempo parziale: cosa sapere e requisiti

Per poter diventare studenti part-time è necessario presentare una specifica domanda che, una volta accettata dall’ateneo, permetterà di creare un percorso universitario personalizzato. Come sappiamo infatti, gli atenei richiedono un numero specifico di CFU per poter considerare gli studenti in regola con gli esami. In caso contrario, lo studente andrà fuori corso pagando tasse extra. Nel caso invece dell’università a tempo parziale, è possibile indicare in modo personalizzato il numero di crediti da raggiungere ogni anno. La richiesta va effettuata secondo le modalità previste dal tuo ateneo, compilando una domanda in cui bisognerà indicare le motivazioni di tale scelta. Lo studente a tempo parziale dovrà comunque rispettare alcune regole:

  • laurearsi né prima e né dopo i tempi stabiliti al momento della richiesta
  • i contributi universitari sono ridotti, ma occorre pagare la tassa di iscrizione, la tassa per il diritto allo studio, il bollo e la quota CUS
  • ogni due anni accademici non deve conseguire più di 60 CFU e meno di 12 CFU

Non perderti: Università: come diventare studente part-time

Studente a tempo parziale: tempistiche

Ricorda che dovrai rispettare le tempistiche stabilite dall’ateneo, quindi informati in segreteria e fai tutto nei tempi e nelle modalità stabiliti. Se fa la richiesta per la prima volta fa quindi attenzione al Regolamento del corso di studio, consegnando il modulo e i documenti richiesti in segreteria. Se invece devi semplicemente rinnovare l’iscrizione, basta pagare la prima rata: il resto lo farà l’università, verificando se ancora ha i requisiti giusti per continuare ad essere uno studente part-time.

Università a tempo parziale: cosa succede se non si rispettano le regole?

Se lo studente non si attiene al regolamento o non raggiunge o supera il numero di crediti stabilito non avrà più diritto all’università part-time. Se lo studente rinuncia allo status part-time deve integrare la quota di contributi da cui era stato esentato se non ha acquisito almeno 6 CFU o ha acquisito più di 30 CFU nell’anno precedente. Se lo status viene revocato, lo studente non potrà fare una nuova richiesta fino al successivo anno accademico. Infine, perde lo status di part-time lo studente che non raggiunge i 12 CFU o supera i 60 CFU: in tal caso egli dovrà integrare i contributi dai quali era stato esentato per i due anni accademici.

Scopri anche: