• Domanda n.
    4/9
  •  

A cosa si riferisce, Parmenide, quando parla delle “cose che sono”, o tà eònta?

All'impercettibile

All'eternità

Ai concetti di nascita e di morte

Alla realtà oltremondana

Alla teogonia

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Arte e catarsi in Aristotele

Arte e catarsi in Aristotele

Immagine per Schelling

Schelling

Immagine per Presocratici

Presocratici

Immagine per Le disquisizioni linguistiche di Platone

Le disquisizioni linguistiche di Platone