• Domanda n.
    41/90
  •  

Cos’è l’intuizione, dopotutto? E un fatto facilmente osservabile che talvolta le persone
raggiungono improvvisamente, d’emblé, la soluzione del problema che li assilla ed esse hanno
allora un’esperienza “aha!” variamente graduata per intensità. Non vi è alcun dubbio sulla
genuinità del fenomeno e, d’altronde, le soluzioni che le persone raggiungono quando hanno
di queste esperienze, quando cioè emettono giudizi ___________, sono molto spesso corrette.
Dati affidabili sono ____________ a questo proposito per i campioni di scacchi. Mostrate una
figura di scacchi, relativa ad una situazione intermedia nel corso della partita, ad un
campione o ad un grande campione: dopo averla osservata per soli cinque, dieci secondi, sarà
generalmente in grado di proporre una mossa risolutiva, molto spesso proprio la mossa che è
oggettivamente la migliore ipotizzabile in quella situazione. Se invece la stessa configurazione
gli si presenta nel corso di una partita contro un forte avversario, non vorrà fare quella stessa
mossa immediatamente e potrà indugiare alcuni minuti e magari anche mezz’ora per decidere
se la sua prima intuizione sia o non sia effettivamente corretta; comunque nell’ottanta o
novanta per cento dei casi il suo primo impulso gli avrà indicato la mossa più opportuna.
La spiegazione della profonda intuizione del campione di scacchi è ben nota agli psicologi e
non é veramente sorprendente, ne è più complicata di quanto non sia la spiegazione della
nostra abilità, in termini di secondi, nel riconoscere uno dei nostri amici incontrandolo per
strada mentre ci rechiamo al lavoro. Ora, in qualsiasi campo si sia raggiunta una
considerevole esperienza, abbiamo acquisito un gran numero di “amici”, un gran numero di
stimoli immediatamente ____________. (...)
Quasi ogni persona di istruzione superiore può distinguere, ricordandone il significato, da
cinquantamila a centomila parole. Nel corso degli anni abbiamo “fatto amicizia” con
cinquanta o centomila di esse. Qualsiasi entomologo professionista ha una paragonabile
capacità di riconoscere gli insetti che incontra, e lo stesso dicasi di un botanico per le piante.
In ogni settore di specializzazione, la padronanza di un’elaborata rete di criteri di distinzione
è uno degli strumenti _____________ dell’esperto e la principale fonte delle sue intuizioni. (...)
Per quale motivo dovremmo credere che il meccanismo di riconoscimento ci dia la spiegazione
della maggioranza delle esperienze “aha!” di cui è testimonianza la storia della creatività? Un
motivo importante è che le valide esperienze “aha!” accadono solo alle persone in possesso
delle appropriate cognizioni: Raymond Poincaré giustamente osservava che l’ispirazione
viene solo alle menti preparate. Al giorno d’oggi disponiamo anche di alcuni dati che indicano
quanto tempo sia necessario per preparare una mente umana ad un’attività creativa di livello
mondiale. (...)
I dati ____________ raccolti da John P. Hayes per i campioni di scacchi ed i compositori e, in
modo leggermente meno sistematico, per i pittori e i matematici indicano che dieci anni è il
numero magico: quasi nessuno, nelle discipline citate, ha raggiunto una prestazione a livello
mondiale senza avere prima trascorso almeno dieci anni di studio intensivo e di strenua
applicazione.
Che dire allora degli enfants prodige ? Mozart compose capolavori forse a partire dai suoi
diciassette anni, certo non prima. (...) Certamente bisogna dire che Mozart aveva già iniziato
a comporre all’età di quattro anni ... Mozart resta comunque il tipico esempio di questi
enfants prodige le cui biografie sono state studiate da Hayes e il suo esempio conferma che
condicio sine qua non per ottenere un’opera rilevante è la diligente applicazione alla propria
disciplina per almeno una decina d’anni o più.


                              da Herbert A. Simon: La ragione nelle vicende umane, Il Mulino, 1988


Dal testo di Herbert A. Simon sono state espunte sei parole elencate qui sotto in diverse
successioni. INDICARE la serie che corrisponde alle esigenze logiche del testo.

Empirici, fondamentali, riconoscibili, disponibili, intuitivi

Fondamentali, disponibili, intuitivi, riconoscibili, empirici

Intuitivi, disponibili, riconoscibili, fondamentali, empirici

Empirici, fondamentali, intuitivi, disponibili, riconoscibili

Intuitivi, riconoscibili, empirici, fondamentali, disponibili

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008

Immagine per Medicina 2000

Medicina 2000

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2012

Medicina - Odontoiatria 2012