• Domanda n.
    52/80
  •  

“L'azoto molecolare (N2) e l'idrogeno molecolare (H2) reagiscono per formare ammoniaca (NH3); nelle condizioni in cui si fa avvenire la reazione, tutte e tre le sostanze si trovano allo stato gassoso; dal punto di vista stechiometrico, la reazione si svolge tra UNA mole di N2 e TRE moli di H2, e si formano DUE moli di NH3. La reazione non decorre praticamente mai a completezza, e si raggiunge una situazione di equilibrio dinamico, caratterizzato dall’eguaglianza delle velocità della reazione diretta (sintesi dell'ammoniaca) e di quella inversa (scissione dell'ammoniaca in azoto e idrogeno); le condizioni dell'equilibrio dipendono essenzialmente dalla temperatura e dalla pressione; se si lavora a temperatura costante, l'equilibrio è tanto più favorevole alla sintesi dell'ammoniaca quanto più alta è la pressione a cui si opera, in quanto, in conformità del principio dell'equilibrio mobile di Le Chatelier- Braun, nella sintesi si passa da quattro a due moli di gas, che esercitano una pressione minore rispetto a quattro moli”.
Quale delle seguenti affermazioni N O N può essere dedotta dalla lettura del brano precedente?

Nelle condizioni di equilibrio dinamico la reazione continua a svolgersi in entrambi i sensi

Nella reazione di scissione dell'ammoniaca si passa da due a quattro moli

A temperatura costante, la trasformazione dell'azoto e dell'idrogeno in ammoniaca produce una diminuzione della pressione

Quanto più alta è la temperatura, tanto più l'equilibrio è favorevole alla sintesi di ammoniaca

A temperatura costante, la scissione dell'ammoniaca in azoto e idrogeno produce un aumento della pressione

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2012

Medicina - Odontoiatria 2012

Immagine per Medicina 2010

Medicina 2010

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008