• Domanda n.
    48/80
  •  

“Gli enzimi hanno un pH ottimale caratteristico, al quale la loro attività è massima; a pH ottimale i gruppi donatori o accettori di protoni nel sito catalitico dell’enzima si trovano nelle migliori condizioni di ionizzazione. Il pH ottimale di un enzima non è necessariamente identico al pH del suo ambiente naturale, il quale può essere anche abbastanza più alto o abbastanza più basso. L’attività catalitica degli enzimi può perciò essere regolata variando il pH dell’ambiente circostante”.


Quale delle seguenti affermazioni PUO’ essere dedotta dalla lettura del brano precedente?

Al pH ottimale i gruppi accettori e donatori di protoni del sito catalitico dell’enzima sono dissociati in misura uguale

Il pH ottimale coincide col pH dell’ambiente naturale dell’enzima

Variando il pH, l’attività dell’enzima varia

Se il pH è molto basso, l’enzima perde del tutto la sua attività

L’attività dell’enzima cresce in genere al crescere del pH

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2012

Medicina - Odontoiatria 2012

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008

Immagine per Medicina 2009

Medicina 2009

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2011

Medicina - Odontoiatria 2011