• Domanda n.
    8/80
  •  

Molto frequenti, soprattutto nelle donne, che in un 20 - 30% ne soffrono almeno una volta nella vita, le infezioni urinarie costituiscono un gruppo complesso di situazioni patologiche.
Talora isolate, ma non di rado recidivanti o persistenti, sono spesso asintomatiche. Anche se sono sintomatiche e molto fastidiose, sono in genere prive di reale importanza clinica: nella maggioranza dei casi l'infezione resta confinata alla vescica, senza conseguenze importanti per l'organismo.
Ma questa non è purtroppo la regola: per quanto in una percentuale di casi ridotta, possono infatti essere gravi, sino a richiedere un ricovero ospedaliero. In casi sfortunati può essere interessato il rene, con infezioni acute o croniche che possono causare danni irreversibili.
Nel soggetto sano, le urine prelevate direttamente dalla vescica non contengono batteri. Durante la minzione spontanea avviene in genere una contaminazione delle urine, principalmente per contatto con le mucose del tratto più distale dell'uretra, canale che collega la vescica con l'esterno, e che è  fisiologicamente colonizzata da batteri.
La presenza di batteri nelle urine non è quindi sufficiente a far porre diagnosi di infezione urinaria. Nella pratica medica, per superare questo ostacolo, importante soprattutto nei casi asintomatici, si ricorre d'abitudine al cosiddetto conteggio batterico, in grado di discriminare contaminazione e batteriurie di reale significato clinico. In base ad un'ampia e consolidata esperienza si ritiene che, di massima, possa essere significativa la presenza di almeno 100.000 batteri per millimetro cubo di urina.

 

Delle seguenti affermazioni UNA sola NON CONSEGUE con quanto riferito nel testo:

il conteggio batterico è un test fondamentale per diagnosticare le infezioni urinarie

le urine dei soggetti sani inviate in laboratorio contengono d'abitudine un certo numero di batteri

tra i giovani le donne sono più esposte alle infezioni urinarie degli uomini

non si può porre diagnosi di infezione urinaria in assenza di sintomi clinici

la presenza di un conteggio batterico di 10.000 batteri per mL non è di per sé significativo per una diagnosi di infezione urinaria

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina 2010

Medicina 2010

Immagine per Medicina 2000

Medicina 2000

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001