• Domanda n.
    46/80
  •  

"Per determinare quantitativamente il carbonio e l'idrogeno presenti in una sostanza organica, un campione pesato di quest'ultima viene bruciato in eccesso di ossigeno, in modo che il carbonio venga convertito quantitativamente in anidride carbonica, e l'idrogeno venga convertito quantitativamente in acqua. Si fanno poi passare i gas prodotti dalla combustione prima in un tubo contenente idrossido di potassio, che trattiene quantitativamente l'anidride carbonica, con formazione di carbonato di potassio, e poi in altro tubo contenente cloruro di calcio, che assorbe quantitativamente l'acqua. Dall'aumento di peso del primo tubo si risale, mediante un calcolo stechiometrico, alla quantità di carbonio presente nel campione, mentre dall?aumento di peso del secondo tubo si risale, mediante un altro calcolo stechiometrico, alla quantità di idrogeno presente nel campione."
Quale delle seguenti affermazioni PUÒ essere dedotta dalla lettura del brano precedente?

Nel secondo tubo si ha la reazione tra idrogeno e cloruro di calcio

Nel primo tubo avviene la reazione tra l'anidride carbonica e l'idrossido di potassio

Nel primo tubo il carbonio reagisce con l'idrossido di potassio formando carbonato di potassio

Bruciando una sostanza organica l'idrogeno viene convertito solo in parte in acqua

La quantità di carbonio presente nel campione è esattamente uguale all'aumento di peso del primo tubo

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2005

Medicina 2005

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina 2004

Medicina 2004

Immagine per Medicina 2003

Medicina 2003