• Domanda n.
    6/80
  •  

È famoso come poeta dialettale piemontese, ma di professione faceva il medico. Edoardo Ignazio Calvo
nacque a Torino il 13 ottobre 1773, nella casa dove suo padre visitava i pazienti. Per il figlio desiderava un futuro simile. Le insistenze paterne furono tali che si iscrisse alla facoltà di Medicina e si laureò con una tesi in latino sullo scorbuto. Sebbene avesse affrontato quegli studi controvoglia, alla professione si dedicò con intelligenza e capacità; proprio mentre curava i malati di tifo nell’antica sede dell’ospedale San Giovanni Battista, contrasse anche lui l’infezione, morendone esattamente due secoli fa.
Nonostante [ ... ] l’intensa attività letteraria (scrisse favole esopiche e satire politiche) trovò anche il tempo
di scrivere un interessante lavoro scientifico a proposito di piante e animali velenosi, in cui si schierava
contro le false credenze da Plinio in poi, e faceva una rassegna rapida delle testimonianze attendibili sui
veleni presenti in natura.
      Anna Buoncristiani, Il poeta che sperimentò il vaccino antivaiolo, Tutto Scienze-La Stampa, 28/4/2004

Quale delle seguenti illazioni È ERRATA in sé, o in quanto in contraddizione con le notizie fornite dal testo citato?

L’opera scientifica di Calvo è critica nei confronti della tradizione, conformemente ai principi illuministici

E. I. Calvo, costretto dal padre, ha seguito una strada in cui non ha potuto mettere a frutto le proprie doti

E. I. Calvo morì a 31 anni di tifo

L’epoca in cui visse Calvo fu segnata dalla cultura illuminista

Nelle facoltà scientifiche tardo-settecentesche era ancora in uso la lingua latina

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008

Immagine per Medicina 2006

Medicina 2006

Immagine per Medicina 2000

Medicina 2000

Immagine per Medicina 2009

Medicina 2009