• Domanda n.
    9/80
  •  

Che in Italia ci sia troppo umanesimo e che questo abbia danneggiato e danneggi la cultura scientifica è
un’affermazione affiorata già negli scorsi anni cinquanta (almeno) e a tratti ripresa. Certo, c’è da noi la
retorica dell’umanesimo. [...] Troppo umanesimo e perciò poca scienza? Ma no, poco umanesimo e poca
scienza perché poca è la propensione nazionale all’accertamento rigoroso di fatti e dati, alle misurazioni e
alle descrizioni precise, all’esperienza diretta.
                                                          Carlo Bernardini-Tullio De Mauro, Contare e raccontare, Laterza,2003

Il passo citato implica una serie di giudizi sui caratteri della cultura italiana. Tra quelli qui espressi individuate IL SOLO che NON È COERENTE con il testo riportato.

Discipline umanistiche e discipline scientifiche richiedono un analogo atteggiamento mentale

In Italia si fa molta retorica sull’importanza degli studi umanistici, ma in realtà non li si affronta con la serietà e la precisione che esigono

Per il carattere peculiare della nostra tradizione, in Italia si dà molto spazio agli studi umanistici, a scapito di quelli scientifici

Il costante riferimento a fatti, dati e esperienze dirette, non è una pratica diffusa presso gli uomini di cultura italiani

Il rigore metodologico, essenziale alla ricerca in campo umanistico come in quello scientifico, è da noi poco praticato

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina 2005

Medicina 2005

Immagine per Medicina 2003

Medicina 2003

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001