• Domanda n.
    26/80
  •  

Il cinema è un'arma magnifica per esprimere il mondo dei sogni, delle emozioni, dell'istinto. Il meccanismo creatore delle immagini cinematografiche è, per il suo stesso funzionamento, quello che ricorda meglio, tra tutti i mezzi d'espressione umana, l'attività dello spirito durante il sogno (...) le immagini appaiono e scompaiono come nel sogno grazie a "dissolvenze"; il tempo e lo spazio diventano flessibili, si allargano o restringono a volontà.

(L. Buñuel, Gli argomenti umani, Napoli, 1969)

Dal brano, secondo l’autore, si evince che il cinema:

si avvicina di più delle altre arti al mondo dello spirito per l'immaterialità e i mezzi di cui si avvale

riesce a rappresentare il mondo dei sogni mediante immagini e scene irreali che producono emozioni a livello istintuale

è un'arte istintuale come dimostrano le alterazioni nella successione delle immagini e nel concetto di tempo e di spazio

grazie alla possibilità di dissolvere le immagini o di montarle in sequenze che superano lo spazio e il tempo è l'arte più vicina al sogno

è l'arte della "dissolvenza" in quanto privilegia immagini fluttuanti e soluzioni spaziali e temporali immaginarie

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2009

Medicina 2009

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina 2006

Medicina 2006

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2012

Medicina - Odontoiatria 2012