• Domanda n.
    19/80
  •  

«Quanti vestiti e camicie e cravatte ci sono nel vostro armadio? Quanti divani nel vostro salotto e stoviglie nella vostra cucina? Quanti televisori e computer e stereo ed elettrodomestici in giro per la casa? E quante macchine nel vostro garage? [...] Il 95% di quello che ci serve ce lo abbiamo già. [...] Se di questi beni ne volessimo di più, non sapremmo neanche dove metterli. [...] Ci è finito lo spazio. Ma  attenzione, solo lo spazio fisico. Quanta memoria volete nel vostro Pc e quanta banda per le vostre connessioni in rete? Quanti canali volete in televisione o varietà di voci sulla stampa? Di quanta energia volete disporre per la vostra casa e per l’ufficio? [...] Mai abbastanza. E qui, invece, di spazio ne abbiamo a dismisura. Perché [...] tutti questi beni sono immateriali. Sono bit, energia, informazioni.
[...] Stiamo parlando [...] del sintomo di un trend, in crescita vigorosa e dilagante. La crescita a due cifre del consumo è ormai diventata appannaggio dell’immateriale. O della Cina, dove alla saturazione dei beni materiali c’è un bel po’ di gente che ci deve ancora arrivare. Grande mercato, tenetelo da conto. Finché dura.»
                       (Da Vito Di Bari, “La crescita dei beni immateriali”, IL SOLE-24 ORE, lun. 14-2-2005, p.10.)

UNA delle affermazioni seguenti risulta INGIUSTIFICATA alla luce di quanto affermato nel brano. La si individui:

Anteporre i beni materiali a quelli immateriali è indubbiamente riprovevole

La situazione della Cina lascia presagire una vigorosa crescita dei consumi di beni materiali

Possiamo aspettarci che crescano a due cifre solo i nostri consumi di beni immateriali

La grande maggioranza dei beni materiali che ci servono li possediamo già

La prospettiva di una crescita a due cifre dei nostri consumi di beni materiali sembra irrealistica

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 1999

Medicina 1999

Immagine per Medicina 2009

Medicina 2009

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina 2005

Medicina 2005