• Domanda n.
    50/80
  •  

Secondo alcuni recenti studi, sembra che l’America precolombiana avesse una popolazione assai più
numerosa di quella europea del tempo; alcune città – come la capitale azteca Tenochtitlan – fossero
metropoli moderne con sistemi di acqua potabile e ampie vie di comunicazione; l’agricoltura si avvalesse di tecnologie d’avanguardia con forme di gestione dei suoli sconosciute in Europa. Nel 1520 tuttavia, Cortès, dopo iniziali e ripetute sconfitte, riuscì a distruggere l’impero di Montezuma. La conquista fu in definitiva relativamente facile, grazie all’inconsapevole aiuto del virus Variola major portato dai soldati spagnoli, che debellò la popolazione indigena.
Si può dedurre che:

i soldati spagnoli erano stati vaccinati contro il virus del vaiolo

i soldati spagnoli erano numericamente più numerosi della popolazione indigena

la popolazione delle città viveva in condizioni di scarsa igiene

i soldati spagnoli erano parzialmente immunizzati contro la diffusione del virus

il virus del vaiolo europeo era resistente alle vaccinazioni usate dagli indigeni precolombiani

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina 2003

Medicina 2003

Immagine per Medicina - Odontoiatria 2012

Medicina - Odontoiatria 2012

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008