• Domanda n.
    48/80
  •  

Gli emboli o trombi che si formano nel circolo venoso, soprattutto nelle vene degli arti inferiori, vengono portati dalla corrente sanguigna attraverso vasi sempre più grossi fino al cuore, di qui ai polmoni, dove i coaguli si fermano causando un’ostruzione e determinando l’insorgenza di un quadro clinico noto come embolia polmonare. L’embolia polmonare si manifesta con difficoltà respiratoria, ipotensione, insufficienza cardiaca, dolori al torace, affanno, svenimenti. Il trattamento contro l’embolia polmonare è soprattutto farmacologico, e prevede l’assunzione di anticoagulanti tipo eparina e di trombolitici.
Si può affermare che l’embolia polmonare è conseguente a occlusione dei capillari derivati da:

vena polmonare

vena cava superiore

alveolo polmonare

arteria polmonare

arteria carotide

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2010

Medicina 2010

Immagine per Medicina 2003

Medicina 2003

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina 2006

Medicina 2006