• Domanda n.
    23/80
  •  

In una poesia novecentesca, la vita del prigioniero si riduce a vedere e sentire questo: “il zigzag degli storni sui battifredi / nei giorni di battaglia, mie sole ali, / un filo d’aria polare, / l’occhio del capoguardia dallo spioncino, / crac di noci schiacciate”.
Se ne ricava una sola informazione, tra quelle sotto riportate:

non c’è movimento in cielo

la temperatura è mite

il prigioniero non può sottrarsi al controllo

il silenzio è totale

ci sono le condizioni per evadere

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 1998

Medicina 1998

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina 2008

Medicina 2008

Immagine per Medicina 2007

Medicina 2007