• Domanda n.
    1/80
  •  

“Può accadere ad un contribuente in buona fede di essere ingiustamente accusato di evasione fiscale. Il
cittadino, di qualsiasi posizione sociale e economica, quando viene colpito da un accertamento fiscale si
sente impotente di fronte all’Agenzia delle Entrate. La legge tuttavia garantisce ad ognuno una difesa e permette di far valere le proprie ragioni ricorrendo agli organi giudiziari competenti”.
Quale delle seguenti affermazioni può essere dedotta dal brano precedente?

Il contribuente in buona fede non è mai accusato di evasione

L’accusa di evasione fiscale comporta solo una perdita di tempo

Solo gli organi giudiziari sono competenti a dirimere un contenzioso fiscale

Il presunto evasore fiscale viene multato in ogni caso, salvo essere poi rimborsato

Gli accertamenti fiscali colpiscono unilateralmente certe classi sociali

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Medicina 2005

Medicina 2005

Immagine per Medicina 2001

Medicina 2001

Immagine per Medicina 2010

Medicina 2010

Immagine per Medicina 2004

Medicina 2004