• Domanda n.
    13/30
  •  

Coltivare piante non autoctone per abbellire i propri giardini è diventata una pratica piuttosto comune. Molte di queste specie sono costose, richiedono trattamenti speciali e sono spesso soggette a parassiti e malattie. Esistono molte piante selvatiche autoctone che sono perfettamente adatte alla crescita in vaso o nei giardini delle case, non richiedono trattamenti speciali e sono spesso altrettanto belle rispetto alle piante provenienti dall’estero. Si dovrebbe dunque cercare di coltivare un numero maggiore di piante autoctone selvatiche nei propri giardini.
Se considerata vera, quale delle seguenti affermazioni rende più forte l’argomentazione precedente? 

Alcune piante selvatiche autoctone sono molto costose e difficili da coltivare 

Parecchi centri di giardinaggio hanno notato un aumento nelle vendite di piante selvatiche autoctone
 

I giardinieri traggono particolare piacere nel coltivare con successo piante non autoctone 

Le piante selvatiche autoctone non sono soggette a malattie
 

Le piante selvatiche autoctone hanno una fioritura più breve rispetto alle piante esotiche

Ti potrebbero interessare anche:

Immagine per Test di Chimica - Medicina e Odontoiatria 2013

Test di Chimica - Medicina e Odontoiatria 2013

Immagine per Test di Fisica e Matematica - Medicina e Odontoiatria 2013

Test di Fisica e Matematica - Medicina e Odontoiatria 2013

Immagine per Test di Biologia - Medicina e Odontoiatria 2013

Test di Biologia - Medicina e Odontoiatria 2013

Immagine per Test di Cultura generale e Ragionamento logico - Medicina e Odontoiatria 2013

Test di Cultura generale e Ragionamento logico - Medicina e Odontoiatria 2013