Erasmus Mundus: di cosa si tratta?

Il Programma Erasmus Mundus finanzia Corsi congiunti di livello master, Corsi congiunti di dottorato, Partenariati per la mobilità e Progetti di promozione. Si tratta di un’estensione del programma europeo Erasmus il cui scopo è la crescita della cooperazione accademica tra studenti e studiosi di differenti paesi. Siete pronti per partire e non state più nella pelle? Vi spieghiamo quali sono i requisiti necessari…

Leggi anche:

Erasmus Mundus: chi può partecipare?

Possono partecipare al progetto tutti gli studenti con cittadinanza o residenza dei 28 paesi dell’Unione europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. Dal 1 gennaio 2014 per la partecipazione ai Joint Master Degrees Erasmus Mundus agli studenti dell’Unione europea sono equiparati gli studenti di: Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Turchia. Tutti insieme (i paesi dell’UE e quelli dei paesi equiparati) vengono definiti “Programme countries”; gli altri paesi del mondo sono “Partner Countries”.

Leggi anche:

Erasmus Mundus: come partecipare

La domanda per partecipare va presentata ai responsabili del corso al quale si è interessati, secondo le indicazioni contenute nei bandi annuali pubblicati per ognuno dei 116 consorzi, sul sito di Erasmus Mundus. Per ogni edizione di corso congiunto è pubblicato uno specifico bando di selezione, che indica i requisiti per l’ammissione, i criteri della selezione, le date di scadenza e altre informazioni utili come ad esempio l’elenco dei membri del consorzio, la descrizione del corso, il numero degli studenti da ammettere e quello delle borse di studio disponibili, l’importo delle tasse, la data di inizio delle attività didattiche, etc. I bandi hanno scadenze diverse.