Vivere Parigi: il Museo d’Orsay

Una delle mete imperdibili a Parigi per chi ama l’arte è, insieme al Louvre,  il Museo d’Orsay. Allestito all’interno di una vecchia stazione ferroviaria ormai fuori uso, il Museo d’Orsay racchiude collezioni d’arte preziosissime che si collocano nel periodo tra la metà dell’800 e i primi del ‘900 ed oggi è diventato uno dei musei più affascinanti del mondo. Sarebbe davvero un peccato soggiornare nella capitale francese senza vederlo. In questo articolo vi faremo venire la voglia di visitarlo ma vi spiegheramo anche e soprattutto come arrivarci e quali opere potrete ammirare!

Leggi anche:

Museo d’Orsay: sulle orme degli impressionisti

Quella che era la stazione ferroviaria di Gare d’Orsay fino al 1986 è diventata una delle esposizioni di arte più famose al mondo che attira ogni anno migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Il museo è nato per ospitare le collezioni relative ad un arco di tempo compreso tra il 1848 e il 1914, prima relegate nei depositi del Louvre, non esposte per mancanza di spazi. L’idea di trasformare la vecchia stazione ferroviaria in un museo venne proprio per permettere a tutti di poter ammirare quadri ed opere altrimenti inaccessibili al pubblico così, intorno agli anni’70 del Novecento, si avviò il processo di recupero e di allestimento del museo. Il Museo d’Orsay è ricchissimo di opere d’arte, tra cui quelle impressioniste e del  post-Impressionsimo, delle avanguardie del ‘900 e dell’arte decorativa. Alcune delle quali da non perdere. Vietato uscire dal museo se non avete visto queste opere:

  • Autoritratto di Van Gogh
  • La chiesa di Auvers di Vincent Van Gogh
  • La lezione di danza di Edgar Degas
  • Due donne tahitiane di Paul Gauguin
  • Déjeuner sur l’herbe di Manet
  • Olympia di Manet
  • I papaveri di Claude Monet
  • Le ninfee di Monet
  • Bal au Moulin de la Galette di Pierre-Auguste Renoir
  • L’origine del mondo di Gustave Courbet
  • Il circo di Georges-Pierre Seurat
  • A letto di Henri de Toulouse-Lautrec
  • La porta dell’inferno di Rodin
  • I piallatori di parquet di Caillebotte
  • L’Angelus di Millet

Museo d’Orsay: orari e costo del biglietto

Il Museo d’Orsay è aperto tutti i giorni ad eccezione del lunedì. Chiuso anche il 25 dicembre, il 1 gennaio e il 1 maggio. Il biglietto per visitarlo costa 12 euro. Una dritta: se entrate dopo le 16.30 lo pagherete meno, a soli 9 euro, però purtoppo la visita dovrà essere veloce e sbrigativa, dal momento che il museo chiude alle 17.45! La possibilità di entrare con un costo ridotto non c’è il giovedì perchè il museo rimane aperto fino alle 21.45. La prima domenica del mese c’è invece l’ingresso libero per tutti. Ricordate, avete anche la possibilità di comprare i biglietti online sul sito ufficiale!

Parigi è ricca di cose da vedere, soprattutto la Cattedrale di Notre Dame!

Come arrivare al Museo d’Orsay

Visitare il Museo d’Orsay è facile, lo si può fare comodamente a piedi, mentre vi perdete sul lungo Senna parigino. L’atmosfera è romantica e l’ex stazione si scorge ad occhio nudo senza problemi di orientamento mentre passeggiate accanto ai Jardin ds Tuileries, non distante quindi dal Museo del Louvre, ma sull’altra sponda del fiume, la Rive Gauche! Per chi però alloggia lontano dal centro ci sono modi alternativi, eccoli:

  • In metro/RER: la fermata della metropolitana è Solférino (linea 12); se usate il servizio ferroviario urbano di Parigi (RER), prendete la linea C, stazione Musée d’Orsay.
  • Bus: ci sono tantissimi autobus che si fermano in prossimità del museo. Le linee sono: 24, 63, 68, 69, 73, 83, 84, 94

Non perdete: 9 cose da vedere a Parigi

Cosa aspettate? Prenotate il vostro viaggio all’insegna dell’arte con i nostri consigli: