Osservatorio Mondiale del Cyberbullismo in Vaticano

Il Cyberbullismo è, tra le altre cose, la piaga del nuovo millennio: sono tante le giovani vite che nell’ultimo decennio si sono spente a causa di scherzi di cattivo gusto, insulti, minacce sul web. La situazione è poco chiara a moltissimi adulti e il fenomeno spesso viene sottovalutato. Per questo motivo negli ultimi tempi ci sono state diverse iniziative per arginare il fenomeno e tra questi spicca anche l’Osservatorio Mondiale del Cyberbullismo in Vaticano, voluto proprio da papa Francesco.

Non perderti: Bullyctionary di Generali: cos’è e come funziona

International Cyberbullying Observatory in Vaticano: di cosa si tratta

L’ICO è un progetto che è stato studiato appositamente per garantire il benessere dei ragazzi sul web in seguito ai vari appelli lanciati da papa Francesco. Il programma verrà presentato al primo congresso mondiale sul rapporto tra minori e web che si svolgerà a Castel Gandolfo nella prossima primavera 2019. I promotori dell’iniziativa illustreranno, in tale occasione, tutti i dettagli del progetto ICO. L’Osservatorio Mondiale del Cyberbullismo è stato promosso dalla Fondazione Scholas, voluta da papa Francesco la quale si occupa del diritto all’educazione e coinvolge circa 440mila scuole, e dalla Fondazione Carolina, intenta a tutelare i ragazzi sul web e dedicata alla prima vittima del cyberbullismo, Carolina Picchio.

ICO: l’indagine sull’esperienza sul web dei ragazzi

Durante la conferenza stampa verrà lanciata la prima indagine sull’esperienza in rete dei ragazzi di tutto il mondo. Vi parteciperanno i rappresentanti della Congregazione per l’educazione cattolica, i presidenti della Fondazione Scholas, José Maria del Corral e il presidente di Fondazione Carolina, Paolo Picchio. I dati verranno elaborati dal comitato scientifico di ICO e verranno restituiti ai rappresentanti istituzionali e alle delegazioni di studenti di circa 30 paesi durante il grande evento che si svolgerà ad aprile. L’evento è stato organizzato in collaborazione con iDea Congress, società specializzata nella preparazione di congressi.

Non perderti: