Giornata Internazionale dell’Educazione: tutto sugli eventi 2020

Il 24 gennaio 2020 si celebrerà la Giornata Internazionale dell’Educazione, proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: l’istruzione è un diritto per tutti gli esseri umani e, come tale, va tutelato. Senza un’adeguata istruzione i paesi di tutto il mondo non riusciranno a raggiungere la parità di genere e non potranno, in molti casi, uscire dallo stato di povertà che li attanaglia. Sono ancora tantissimi i bambini che non possono frequentare la scuola per i motivi più svariati; molti ancora gli adolescenti che non sanno leggere e scrivere o che non riescono ad arrivare alle scuole superiori.

Non perdere: Tema sull’Importanza dell’Istruzione

Perché nasce la Giornata Internazionale dell’Educazione

Un ragazzo che non può frequentare la scuola e non riceve un’istruzione adeguata viene privato di un fondamentale diritto: ciò è davvero inaccettabile. L’UNESCO quindi invita tutte le nazioni del mondo a dare priorità all’educazione dei giovani: ecco perché nasce la Giornata Internazionale dell’Educazione. Cosa fare durante questa giornata? Innanzitutto apprezzare il fatto di essere nati nella “parte più fortunata del mondo” e sfruttare questo importante momento per imparare qualcosa in più. Si può inoltre fare donazioni alle associazioni che lottano per istruire i giovani nei paesi sottosviluppati. Infine, sarebbe anche utile usare i social per condividere video o post con informazioni sulla tematica.

Eventi per la Giornata Internazionale dell’Educazione

Paesi e istituzioni sono quindi stati invitati dall’UNESCO a celebrare nel modo giusto questa importante giornata: non abbiamo ancora il calendario ufficiale degli eventi, ma, come abbiamo consigliato prima, l’iniziativa può partire da voi stessi. Potete quindi promuovere attività culturali all’interno della vostra scuola, partecipare ad eventi culturali oppure fare una bella colletta e donare qualcosa alle associazioni o agli enti che si occupano di fornire un minimo d’istruzione ai bambini e ai ragazzi dei paesi sottosviluppati.