Rientra tra gli eventi di Firenze e si svolge, ogni anno, nel capoluogo toscano presso l’ex stazione Leopolda, dalla quale prende il nome. Scopriamo di cosa si tratta e da dove ha origine la convention.

Cos’è La Leopolda

La Leopolda è un convegno nell’ambito del quale vengono discussi e condivisi idee e progetti. Prende il nome dal luogo in cui è ospitata, la Stazione Leopolda della città toscana, bellissima stazione costruita nella metà dell’Ottocento oggi spazio storico-artistico davvero unico, in grado di accogliere manifestazioni ed eventi legati al mondo della cultura e della creatività contemporanea. L’edificio è collocato nei pressi della Porta al Prato, accanto al Parco delle Cascine, ad un solo chilometro in linea d’aria dal Ponte Vecchio.

Lo spazio della Leopolda – circa seimila metri quadrati – viene sfruttato per allestire set televisivi, incontri pubblici, meeting aziendali, convention e degustazioni enogastronomiche, sfilate di moda e spettacoli di musica.

Leopolda, la storia

Convegno di natura politica ideato da Matteo Renzi, la prima edizione della Leopolda ha avuto luogo nel mese di novembre del 2010 grazie all’allora sindaco di Firenze, Renzi per l’appunto, e a Giuseppe Civati, consigliere regionale lombardo. Tra i principi ispiratori che ne sono stati alla base, l’esigenza del rinnovamento della classe dirigente del Partito Democratico. Molti furono gli inviti: 6.800 partecipanti tra amministratori, politici e professionisti. Dall’anno seguente, a seguito dell’allontamento da Civati per motivi di divergenze politiche, la Leopolda fu organizzata dal solo Renzi.

Da allora la Leopolda è diventata un appuntamento annuale fiorentino e, ogni anno, è stata ispirata a un diverso tema. Se quello del 2011 è stato “Big Bang” ed ha avuto come obiettivo quello di superare il PD guidato da Bersani e di proporre le primarie (dalle quali sarebbe emerso il nome del futuro candidato premier del centro-sinistra), nel 2012 è stato “Viva l’Italia viva”. Il titolo dell’edizione 2013, ancora, “Diamo un nome al futuro”, mentre quello del 2014 “Il futuro è solo l’inizio”. Lo slogan dell’edizione del 2015 è stato “Terra degli uomini”, quello del 2016 “E adesso il futuro”, “L8-In/Contro” nel 2017, “Ritorno al futuro” nel 2018 e “Italiaventinove” del 2019.

Leggi anche:

Cosa vedere a Firenze: itinerario di uno, due o tre giorni