Prove di telepatia: come funziona?

Tre cervelli che collaborano a distanza senza comunicare in modo convenzionale: è quanto hanno realizzato dei ricercatori dell’Università di Washington di cui fa parte anche l’italiano Andrea Stocco. Gli studiosi hanno messo in comunicazione tre persone, per dare vita a quello che può sembrare il primo “social network” di cervelli del mondo, secondo quanto riporta Repubblica. Alla base della loro tecnica c’è una macchina che registra l’elettroencefalogramma (o Eeg) e un dispositivo per la stimolazione magnetica transcranica.

Prove di telepatia: l’esperimento

Con il primo esperimento i ricercatori hanno potuto registrare i cambiamenti nell’attività elettrica del cervello, e inviare le informazioni a una seconda persona. L’attività del cervello si può modificare con facilità in due modi: concentrandosi su una luce che lampeggia con una frequenza di 15 hertz e con la stimolazione magnetica.

Leggi anche: