Amleto, La serie: tutto sulla prima social serie

Chi l’avrebbe mai detto: la tecnologia fa passi da gigante e se un tempo per vedere l’Amleto di Shakespeare bisognava recarsi al teatro prima e al cinema poi, adesso dalla TV si è passati direttamente ai social. Sapevamo già della nuova funzione di Facebook con cui poter guardare video e addirittura serie TV e dal 7 febbraio abbiamo potuto esplorare un’altra novità, cominciando con la serie ispirata proprio all’Amleto di Shakespeare. Si tratta della prima social serie prodotta da Indacos, scritta e diretta da Emma Campili e Donatella Furino, capace di trasportare nel mondo dei social network il linguaggio di cinema, teatro e letteratura. Nell’arco di un mese la serie è arrivata al 22esimo contenuto postato, i cui 12 video e 3 pillole video in cui Amleto commenta fatti di cronaca e attualità.

Per scoprire la prima social serie: Amleto-La Serie

Facebook, Amleto – La serie: di cosa si tratta la serie vincitrice del Tuscany Web Fest

La serie quindi è proprio un collegamento diretto tra mondo del web e mondo dell’arte con un cast scelto in base alle “scuole” di provenienza. Sappiamo bene che il testo dell’Amleto è stato da sempre oggetto di sperimentazioni, in particolare teatrali e cinematografiche. Adesso diventa una narrazione social, una serie che si snoda attraverso immagini, post e video che formeranno le diverse sfaccettature della classica puntata integrale. Facebook è quindi il luogo virtuale in cui poter rimanere affascinati (come sempre) dalla storia del principe di Danimarca in un modo del tutto nuovo, una maniera più vicina ai giovani di oggi, mettendo mi piace alla pagina Amleto – La serie

Amleto – La serie: l’esperimento

Si tratta di un vero e proprio esperimento: la letteratura e l’arte si sono modificate nel tempo e adesso è giunto il momento di adattare questi due mondi all’era in cui viviamo. Dimenticate quindi le regole della sceneggiatura o dei romanzi, concentratevi su quelle di Facebook, basata su contenuti postati, foto e video. Amleto diventa la stagione zero di un format nuovo di zecca e la trama viene raccontata con i mezzi tipici dei social network, compresi loop-video, emoticon, gif. La novità riguarda anche la scelta dell’attore protagonista: Amleto viene interpretato da Donatella Furino, regista e produttrice della serie insieme ad Emma Campili. L’intento è quello di dare un messaggio: Amleto è il maschile e il femminile messi uno a servizio dell’altro, un essere che è ritornato agli albori scartando ciò che è dell’uomo e ciò che è della donna.

Amleto: la sfida della social serie

Facebook diventa allora un luogo in cui l’arte, la fotografia, la letteratura e il cinema si fondono in un format inedito che dà il via ad un moderno genere artistico, capace di superare le forme classiche e metterle al servizio dei nuovi mezzi di comunicazione, dei nuovi tempi di fruizione e del nuovo modo di assorbire i contenuti. Grazie alla sua declinazione social Amleto – La serie ha avuto il patrocinio del Comune di Napoli e il sostegno del Teatro India di Roma, in cui la serie è stata girata. Inoltre, la social serie ha ottenuto due premi al Tuscany web Fest, uno per il Miglior Progetto Cinematografico e l’altro per la Miglior attrice protagonista.

Amleto – La serie: il capitolo 1

Dopo un mese dal lancio, la pagina Facebook Amleto – La serie è arrivata a 22 post e sono circa 2000 i fan che la seguono. Le puntate integrali (chiamate capitoli), di cui è già disponibile la prima, saranno visibili sul canale ufficiale di YouTube e avranno una durata di circa 15 minuti. Il resto dei contenuti sarà invece fruibile su Facebook, per un totale quindi di 450 contenuti.