Campus Party 2019: quello che dovete sapere

Il Campus Party è arrivato alla sua terza edizione registrando un enorme successo confermando, ancora una volta, la validità di questa iniziativa. Dal momento che si è concluso da poco, vogliamo rendervi partecipi di questo successo riportando, nero su bianco, tutti i numeri che hanno fatto sì che l’iniziativa registrasse questo ennesimo trionfo. Il Campus Party rappresenta una grande esperienza di innovazione e creatività, viene realizzato in collaborazione con la Regione Lombardia e con Nexi come Main Partner. L’evento ha coinvolto oltre 180 partner tra aziende, istituzioni, università e community, ha visto 10.000 presenze, oltre 3.000 tende occupate da giovani partecipanti.

Campus Party 2019: chi è intervenuto

Oltre alle 3.000 tende occupate da giovani partecipanti che hanno dormito nelle loro tende all’interno della Fiera, 250 speaker che si sono alternati su 6 palchi, 450 ore di contenuti , un’area in cui provare le nuove tecnologie emergenti, si è creata una vera e propria Job Factory con più di 400 posizioni di lavoro aperte e 500 partecipanti ai CPHack, il format speciale di Campus Party con numerosi premi assegnati ai vincitori. Ospite d’eccezione di questa edizione, nonché keynote speaker dell’edizione dedicata alle grandi scoperte dell’umanità, è stato Sir Tim Berners-Lee inventore del World Wide Web. Durante il suo intervento, rivolgendosi ad un curioso pubblico di giovani, ha presentato Solid il suo nuovo progetto per cambiare il web del futuro. Ha espresso il suo desiderio di combattere con determinazione gli usi criminali del web per evitare che possano distruggere quanto costruito fino ad adesso. Il suo obiettivo è quello di contribuire ad un futuro del web migliore dove la verità e le fake news vengano schiacciate dalla verità e dallo spirito e che il web possa essere usato per risolvere i problemi del mondo e non per crearne altri. Sir Lee ha anche ascoltato le iniziative dei quattro vincitori dell’iniziativa World Wide We.

Campus Party 2019: il party nel mondo

L’evento conta 80 edizioni organizzate in tutto il mondo in 14 Paesi: Italia, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito, Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Messico, Singapore, Spagna e Uruguay; l’evento vanta numerosi successi: 1 Guinness Word Record per il più grande hackathon sociale, 3 milioni di visitatori, più di 700.000 profili su Campuse.ro, centinaia di aziende, istituzioni, media, università e community partner dell’evento. In quest’ultima edizioni sono intervenuti anche Fabio Sergio, Giuseppe Stefano Quintarelli, Robeto Burioni, Gino Strada, Corrado Passera, Luca Palermo, Francesco Baldassarre e Valeria Cagnina e Adrian Fartade.