Canyoning: quello che dovete sapere

Avete mai sentito parlare del canyoning, o conoscete qualcuno che lo abbia praticato? Si tratta di uno sport acquatico che prevede la discesa in gole molto strette che possono essere percorse da getti d’acqua, in genere torrenti. Dove si pratica il canyoning? Nella cosiddetta forra che, per natura, è un luogo molto inospitale; il percorso da fare è contrassegnato da ostacoli di ogni genere: cascate, scivoli, laghetti e salti di roccia. Come potete immaginare da voi, è molto difficile tornare indietro una volta iniziato il percorso, quindi si potrà uscire o alla fine del percorso oppure da eventuali uscite. Questo sport può essere praticato in gruppi di quattro o di otto.

Non perderti: Surf: come iniziare e dove farlo in Italia

Canyoning: come si pratica

Il canyoning può essere praticato nella forra, ma non è detto che all’interno ci sia sempre acqua, per cui, in base a questo, cambierà anche l’attrezzatura di cui avrete bisogno per affrontare il percorso. Il vostro percorso sarà tutto in discesa, quindi dovrete calarvi verso il basso e arrampicarvi; se poi troverete dell’acqua, dovrete tuffarvi o scivolare giù per i toboga, degli scivoli naturali. Per essere sicuri di disporre di tutte le attrezzature necessarie per praticare il canyoning, assicuratevi di avere con voi:

  1. muta
  2. caschetto da alpinismo o speleologo
  3. imbrago cosciale e moschettoni
  4. discensore
  5. calzari in neoprene
  6. corde specifiche semi-statiche trattate con idrorepellenti
  7. scarpe specifiche o da escursionismo
  8. contenitori stagli
  9. guanti
  10. giubotto salvagente
  11. zaino da torrentismo

Fino a qui sembra tutto molto bellissimo, e lo è; tuttavia chi pratica questo sport deve essere consapevole dei rischi a cui va incontro che possono derivare dal freddo, dall’acqua e dalle discese che si trova nella forra che, come anticipato, non rappresentano propriamente dei luoghi molto ospitali.

Canyoning: dove è possibile praticarlo in Italia

Presa coscienza dei pericoli a cui potreste andare incontro praticando questo sport acquatico, vediamo insieme dove è possibile praticarlo qui in Italia:

  • Sardegna, Barbagia no limits: si trova a Gavoi, in provincia di Nuoro
  • Piemonte, Monrosa: in Valsesia, dove è possibile fare anche rafting, kayak e tanto altro
  • Trentino Alto Adige, Extreme Waves: in Val di Sole, dove si può praticare anche tarzaning, trekking, mountain bile, hydrospeed e così via
  • Valle d’Aosta, Adventure center: a La Salle, dove è possibile fare anche rafting.

Prima di salutarci, ricordiamo brevemente che per poter praticare questo sport è importante essere allenati, disporre di tutta l’attrezzatura necessaria e, prima di ogni cosa, essere consapevoli del rischio a cui si va incontro.

Leggi anche: Sport di montagna: estivi e invernali